Running, doping: quattro anni di squalifica a Nino Di Francesco

Provette per un test antidoping

Il podista Nino Di Francesco, portacolori della società Runners Pescara, è stato squalificato per 4 anni dalla Prima Sezione del Tribunale Nazionale Antidoping. Di seguito il comunicato ufficiale: “La Prima Sezione del Tribunale Nazionale Antidoping, nel procedimento disciplinare a carico del sig. Nino Di Francesco (tesserato FIDAL), visti gli articoli 2.1, 4.2.1 delle NSA, afferma la responsabilità dello stesso in ordine all’addebito ascrittogli e gli infligge la squalifica di 4 anni a decorrere dal 22/12/2020 e con scadenza al 9/11/2024, così decurtato il presofferto. Visto l’art. 10 NSA dispone l’invalidazione del risultato sportivo conseguito in gara.  Condanna il sig. Di Francesco al pagamento delle spese del procedimento quantificate forfettariamente in euro 378,00“. Di Francesco era risultato positivo alla sostanza D-Amfetamina in seguito ad un controllo antidoping al termine della maratona di Pescara del 18 ottobre 2020. Per la cronaca, Di Francesco aveva tagliato per primo il traguardo in 2h39’52’’.