Rugby, parla il c.t. Crowley: “Autumn Nations Series importanti verso i Mondiali”

Kieran Crowley Kieran Crowley - Foto LiveMedia/Luigi Mariani

Il commissario tecnico dell’Italrugby, Kieran Crowley, ha presentato il primo dei tre test match di novembre contro Samoa, importanti per la preparazione dei Mondiali 2023 in Francia: “Il lungo viaggio verso la coppa del mondo è cominciato un po’ di tempo fa, ma chiaramente le Autumn Nations Series rappresentano un passaggio fondamentale verso Francia 2023. Affrontiamo tre Nazionali che ci sono davanti nel ranking mondiale, in particolare Samoa è una squadra con grande qualità, che può contare su quattordici giocatori di Top 14, sette di Super Rugby, sette di Premiership e in virtù dei nuovi regolamenti di World Rugby anche su due ex All Blacks“.

La settimana prossima comunicheremo i selezionati per il primo raduno di Verona, siamo consapevoli del livello che andremo ad affrontare, ma lo siamo altrettanto del nostro livello. Il rugby è prima di tutto una sfida continua, in Georgia abbiamo pagato caro una giornata decisamente storta, performando molto al di sotto del nostro potenziale. A Padova, Firenze e Genova la situazione sarà diversa, senza quei fattori esterni che hanno influito negativamente a Batumi: siamo pronti a combattere, l’obiettivo è vincere e migliorare il nostro ranking“.

Con questa amministrazione la sinergia e l’intesa è sempre stata ottimale, sono certo che il 5 novembre il Plebiscito sarà pieno, e che la giornata sarà una festa vera, aperta a tutti gli appassionati. Spiace, venendo al più recente episodio di cronaca, aver visto che la partita di esordio nello stadio dei Campioni d’Italia abbia ospitato poche decine di spettatori”, ha dichiarato il presidente della Fir, Marzio Innocenzi.

“La Federazione sta facendo sforzi molto importanti per alzare il livello del massimo campionato, ma questo può portare ai risultati desiderati solo se ognuno è disposto a fare la sua parte fino in fondo. Mi dicono che per i test di novembre le vendite dei biglietti stanno andando bene, mi aspetto stadi pieni di gente e di passione, così come mi aspetto grandi prestazioni da parte di giocatori e staff, confermando quanto le nostre due franchigie stanno facendo in questo inizio di stagione di URC. Di sicuro sbaglia chi considera il match con Samoa relativamente facile: a questi livelli il Tier 1 non propone nazionali “minori”, Samoa metterà in campo i suoi migliori giocatori e non, come a volte accade, solo quelli disponibili”, ha aggiunto il numero uno della federazione.