Rio 2016, i ragazzi del quattro senza in coro: “Ancora non ci crediamo” (VIDEO)

Matteo Castaldo, Matteo Lodo, Domenico Montrone, Giuseppe Vicino - Rio 2016 - Foto Sportface.it

DALL’INVIATO A RIO DE JANEIRO

Non abbiamo ancora capito cosa abbiamo fatto, dobbiamo metabolizzare la medaglia: ce la siamo meritata per tutti i sacrifici fatti”. In coro, con il sorriso stampato sul viso, Matteo Castaldo, Matteo Lodo, Domenico Montrone e Giuseppe Vicino festeggiano a Casa Italia il bronzo olimpico conquistato nel 4 senza di canottaggio ai Giochi Olimpici di Rio de Janeiro, ricordando l’impresa del mattino.

Siamo abbastanza sfiniti – riconosce Castaldo – oggi è stata una guerra. Abbiamo fatto una rimonta eccezionale, ci siamo andati a prendere la medaglia con i denti e con le unghie”. “Tante volte, negli ultimi anni, l’Australia ci ha tolto una medaglia – ricorda Lodo – Stavolta invece siamo riusciti a dire la nostra”. La gara la racconta Vicino: “Abbiamo aperto il gas, volevamo assolutamente questo bronzo, ce lo meritiamo per gli sforzi e i sacrifici fatti durante l’anno”. “È una sensazione che ancora dobbiamo comprendere e imparare ad apprezzare”, confessa Montrone.

Poi, in coro, tutti dedicano la medaglia alla propria famiglia e pensano al regalo da ricevere: una vacanza per Vicino e Lodo, “perché è troppo tempo che non ne facciamo e dobbiamo staccare la spina dopo tanti sacrifici”; Castaldo vuole solo “tornare a casa, perché è l’unico posto in cui vorrei essere ora”. Montrone, invece, non ha richieste: “Il regalo me lo sono già fatto, eccolo qui, la medaglia”.

GUARDA IL VIDEO DELL’INTERVISTA

Sportface/Italpress

L’autore: /

Nato il 25 giugno 1982, pochi giorni dopo ho deciso di fare il giornalista sportivo guardando la finale di Wimbledon tra Connors e McEnroe e il terzo trionfo Mondiale dell'Italia. Professionista dal 2010, ho lavorato per la Gazzetta dello Sport, Il Tempo e l'agenzia di stampa Italpress. Amo tutti gli sport, soprattutto i più strani