Pallanuoto, Mondiali Budapest 2022: Ungheria a valanga sul Brasile, Montenegro e Serbia di misura

Pallanuoto

Va in archivio un’altra intensa giornata in compagnia della pallanuoto maschile ai Mondiali di Budapest 2022, purtroppo senza l’Italia in acqua in virtù della positività al Covid-19 di tre giocatori del Canada. Il Settebello ha accettato di giocare domani, qualora ovviamente tra i nordamericani non dovessero esserci altri casi di contagio, fattore che comporterebbe l’esclusione della nazionale delle foglie d’acero con vittoria a tavolino per gli azzurri.

A ogni modo, ci si è divertiti molto con i match della seconda giornata della fase a gironi, anche se l’ultimo, il posticipo serale per la platea magiara, è stato a senso unico e ha visto l’Ungheria, tra le squadre favorite per la vittoria finale, trionfare per 20-6 sul malcapitato Brasile, con il primo e l’ultimo periodo che fanno registrare una pioggia di gol subiti dai carioca. Le altre big del torneo, invece, faticano tanto per portare a casa la vittoria. E’ il caso del Montenegro, che fa soltanto 10-9 con la Georgia e nel secondo quarto subisce addirittura un parziale di 3-0 a sfavore, dovendosi sudare la vittoria fino all’ultimo, mentre la Serbia, che ha dovuto sfidare una più probante Australia, non è andata oltre il 6-5 con i primi tre periodi terminati tutti su una situazione di parità, prima del gol nell’ultimo quarto in cui si è segnato soltanto una volta. Venendo alle altre sfide, la Croazia ha battuto per 13-9 la Germania, mentre è davvero pesante il 28-2 inflitto dalla Spagna al Sudafrica nel girone degli azzurri di Campagna. Grecia che piega il Giappone 18-7, agevole il compito degli Usa che battono il Kazakistan 17-4.