Tokyo 2020, regolamento Mountain Bike: come funziona, tutto quello che c’è da sapere

Mathieu van der Poel - Foto Spotter2 CC BY-SA 4.0 Mathieu van der Poel - Foto Spotter2 CC BY-SA 4.0

Il regolamento delle prove di Mountain Bike alle Olimpiadi di Tokyo 2020, che metteranno in palio le medaglie nel cross-country sia maschile che femminile. Grande attesa per questi due eventi che andranno in scena nei primi giorni dei Giochi, alle pendici del Monte Fuji e non lontano dal teatro delle prove su strada. Il sito prescelto è infatti l’Izu Mountain Bike Course, che con i suoi 4100 metri di lunghezza (da ripetere più volte) e i 150 metri di dislivello si appresta ad essere ricordato come il percorso più impegnativo da quanto la Mountain Bike ha fatto il suo esordio ad Atlanta 1996. Andiamo quindi a scoprire insieme come si svolgeranno le prove.

MOUNTAIN BIKE A TOKYO 2020, IL PROGRAMMA: DATE, ORARI, TV E STREAMING

LE GARE – Sia nel cross-country maschile che in quello femminile saranno in gara 38 atleti, di cui 30 si sono qualificati tramite il ranking UCI per nazioni e gli altri tramite altri criteri come gare di qualificazione, slot ai paesi non ancora qualificati e ovviamente un pass per il Giappone. Le gare saranno mass start con partenza in linea: una prova unica, senza qualificazioni o turni eliminatori. Ovviamente chi taglierà per primo il traguardo vincerà l’oro, ma dopo il primo giro i corridori più lenti dell’80% del tempo del leader saranno esclusi e non potranno proseguire. Previste inoltre le aree di rifornimento, utili sia al fine dell’alimentazione che a quello di eventuali riparazioni alla bicicletta.