Tokyo 2020, Jacobs: “Dopo i Giochi dovevo staccare la spina, Carl Lewis il mio mito”

Marcell Jacobs - Foto Pagliaricci/GMT

L’oro olimpico dei 100 metri Marcell Jacobs è intervenuto al Senato, nel corso di un evento dedicato ai protagonisti azzurri delle Olimpiadi e Paralimpiadi di Tokyo 2020. “Prima facevo il salto in lungo, ma poi ho dovuto smettere per problemi fisici. Per fortuna i 100 metri non sono andati male. Il mio mito? Carl Lewis – ha affermato Jacobs – Dopo i Giochi mi sarebbe piaciuto gareggiare, ma ho sentito la necessità di staccare la spina. Tornerò a febbraio del prossimo anno in occasione delle prime gare stagionali“. L’atleta di Desenzano ha poi svelato un aneddoto relativo alla sua avventura a Tokyo: “Dopo la semifinale ero davvero scarico, a fare la differenza è stata la mia mental coach. Mi ha detto un paio di parole magiche e mi sono automaticamente ricaricato“.