Tokyo 2020 basket, Gallinari: “Ai Giochi per vivere un sogno, dispiace per Belinelli e Datome”

Danilo Gallinari, Atlanta Hawks Facebook Page Danilo Gallinari, Atlanta Hawks Facebook Page

“Ho trovato un bel gruppo, ma non avevo dubbi. Alcuni li conoscevo, ci sono tanti ragazzi giovani che ho seguito da lontano”. Così Danilo Gallinari, giocatore della nazionale italiana di basket impegnata a Tokyo 2020, è intervenuto dalla Saitama Super Arena a tre giorni dall’esordio contro la Germania, in programma il 25 luglio. “E’ un’Olimpiade è un po’ diversa per il discorso del Covid e delle misure che ci sono, però quando entri nel Villaggio Olimpico ci sono delle sensazioni particolari che penso si trovino solo in queste situazioni e in questo ambiente, sono contentissimo di vivere in questo sogno”.

“Il mondo Nba dal punto di vista delle regole è un po’ diverso, a livello emotivo anche – ha continuato – . In Italia cresciamo con il sogno Olimpico, in Usa non crescono come noi. Quando arrivi a rappresentare la Nazionale alle Olimpiadi sicuramente ci sono delle sensazioni che solo atleti e ragazzi come noi possono provare”.

“Penso di entrare in un gruppo molto versatile. A livello di ruoli possiamo fare tante cose diverse, ci sono giocatori che possono scambiarsi. Nei miei anni di carriera è stata la versatilità il mio punto di forza” ha detto.

Sull’assenza di Belinelli e Datome: “Sono due compagni che ho sempre avuto in Nazionale e dispiace non vederli qui. In quello che abbiamo vissuto per più di dieci anni era questo il nostro obbiettivo. Sapere di arrivare a realizzare un sogno e non poterlo fare perché ci sono dei motivi seri, dispiace. Capisco quello che stanno passando psicologicamente per non essere qui. Quando devi decidere se esserci o non esserci è sempre una scelta non facile”.