Pechino 2022, l’Australia annuncia boicottaggio diplomatico

L’Australia segue l’esempio degli Stati Uniti e non invierà rappresentanti diplomatici ai Giochi Invernali di Pechino del febbraio 2022. Ad annunciarlo è stato il primo ministro Scott Morrison, motivando il boicottaggio per difendere i diritti umani “sullo sfondo dei crimini contro l’umanità perpetrati contro gli uiguri e altre comunità turche”. “L’Australia – ha aggiunto Morrison – non tornerà sulla sua posizione ferma che è quella adottata per difendere i propri interessi. Pertanto non sorprende il fatto che non invieremo nostri ufficiali a questi Giochi“. Attesa la posizione della Gran Bretagna: secondo il Telegraph, potrebbe essere prevista una delegazione governativa ridotta. Intanto è arrivata la replica del portavoce della diplomazia Wang Wenbin che ha spiegato: “Non importa a nessuno se arriveranno o no. La loro politica e i loro piccoli giochi non altereranno il successo delle Olimpiadi“. A febbraio sono attesi a Pechino circa 40 atleti australiani.

About the Author /

Romano, nato in una calda estate del 1995 mentre la capitale iniziava a scoprire Francesco Totti e Alessandro Nesta. Cresciuto tra la terra e i sassi dei campetti della periferia romana e appassionato di scrittura. Ma tra il pallone e la penna ho scelto un compromesso: scrivere di calcio