Pallanuoto, Mondiali Gwangju 2019. Campagna: “Con Ungheria partita della morte”

Sandro Campagna Sandro Campagna - Foto Sportface

“Con l’Ungheria sarà partita della morte, è una semifinale che vale pass Olimpico. Dovrò passare stanotte e domattina a studiarli perché dobbiamo prepararla adeguatamente. Ci hanno osservato, forse ci temono: Italia-Ungheria è come Italia-Brasile di calcio”. Sono queste le parole del ct del Settebello Sandro Campagna dopo la vittoria per 7-6 sulla Grecia ai quarti di finale del Mondiale di Gwangju 2019. “Partita forse brutta ma ci voleva cuore e determinazione, ho detto ai ragazzi di metterci tutto ciò che avevano. E’ stato il match della forza fisica e mentale, ci siamo disuniti nel terzo tempo un po’ da polli e poi ho detto di giocare a zona perché anche i loro tiratori non erano in giornata – ha spiegato ai microfoni di Rai Sport – Siamo stati difensivamente quasi perfetti, prendere solo sei gol non è facile. Ne facciamo pochi ma ci sono alcuni giocatori che devono ancora sbloccarsi. Il rigore del 5-5? Per quanto poco comprensibile siano le decisioni da inizio Mondiale, hanno arbitrato così dall’inizio e c’è uguaglianza per tutti”.

“Il Settebello deve riprendere il suo posto, siamo stati un po’ sfortunati negli ultimi anni”, ha fatto eco il capitano Pietro Figlioli, autore del gol della parità nel momento più difficile per gli azzurri. “Io faccio il mio lavoro, ma penso che chiunque altro avrebbe segnato al mio posto. Ho cercato di caricare i ragazzi all’inizio della partita perché serviva cuore”. 

Pallanuoto, Mondiali Gwangju 2019: Settebello torna in semifinale, Grecia ko

About the Author /

Classe 1992, studente di Giurisprudenza e diplomato al Conservatorio con il sogno del giornalismo. Amo lo sport a 360°, anche perché il mio paesino da 17.000 abitanti ha cresciuto un calciatore di Serie A e della nazionale come Legrottaglie, una medaglia olimpica di volley come Mastrangelo, e l'ormai certezza della marcia Palmisano. E poi ci sono io, mancato numero 1 Atp, cui rimedio sproloquiando come redattore anche su Tennis World Italia