Nuoto, Quadarella: “Lockdown e Covid alle spalle, sono tornata ad allenarmi bene”

Simona Quadarella Simona Quadarella - Foto Sportface

Stagione indubbiamente complicata anche per il nuoto italiano, che ha visto peraltro diversi atleti contagiati dal Covid-19. Tra questi anche Simona Quadarella, campionessa del mondo in carica dei 1500 stile libero, nonché argento iridato negli 800 e tre volte oro agli Europei di Glasgow 2018. La nuotatrice romana, durante le pause forzate dall’acqua, si è divisa tra allenamenti a secco e studio per portarsi avanti anche nel percorso universitario di Scienze della Comunicazione. “Ho sofferto molto lo stop per il lockdown dal momento che nel nuoto, specie nelle mie specialità, la continuità nelle preparazione è importante” ha rivelato Quadarella in un intervento alla “Domenica Sportiva” su Rai Due, “a ottobre è arrivata poi la positività al Covid nel corso del collegiale di Livigno“.

Tuttavia, le situazioni spiacevoli me le sono messe alle spalle e sono tornata ad allenarmi bene” ha aggiunto l’azzurra, “da questo punto di vista in Coppa Brema a Roma ho avuto delle buone sensazioni“. Quadarella, che ha staccato il pass per Tokyo già nel dicembre 2019, è tornata alla mancata qualificazione alle Olimpiadi di Rio 2016: “In quel caso fu una grande delusione, ma già dal 2017 riuscì a rilanciarmi vincendo il bronzo nei 1500 sl a Budapest. Sicuramente a Glasgow, con quelle tre vittorie (400, 800 e 1500 sl) sono riuscita a esprimere il mio potenziale e da quel momento è stato un crescendo. Per i Giochi sarò al via di 800 e 1500 sl e magari proverò a portare tre distanze nel 2024. Per preparare i 400 sl ho bisogno di più tempo e potrei pensarci in prospettiva“.