Nuoto, Mondiali Hangzhou 2018: Detti di bronzo, Pellegrini quarta. Altro record per Carraro

Gabriele Detti - Rio 2016 - Foto Ferraro/Gmt

Prime medaglie e primi titoli assegnati a Hangzhou, dove si è conclusa la prima giornata dei Mondiali di nuoto 2018. L’Italia apre nel migliore dei modi, mettendo subito la propria firma nel medagliere. Gabriele Detti è terzo (tempo di 3.37.54) nei 400 metri stile libero grazie ad un tratto finale più che positivo. In rimonta il livornese ha strappato un bronzo che vale oro. Irraggiungibili il lituano Danys Rapsys e il norvegese Henrik Christiansen. Ma per Detti si tratta di un risultato eccezionale, che è valso un quarto posto beffardo al russo Malyutin.

IL MEDAGLIERE AGGIORNATO IN TEMPO REALE

PELLEGRINI QUARTA – Federica Pellegrini non riesce nell’impresa di salire sul podio nei 200 stile libero femminile. Crono di 1.53.18 per la “Divina”, a cui difficilmente si poteva chiedere molto di più. Altro ritmo per Titmus e Comerford, oro e argento. Ottiene il bronzo davanti all’azzurra invece l’olandese Heemskerk. Nei 100 dorso maschili guadagnano il pass per la finale Xu, Guido, Murphy, Kolesnikov, Grevers, Glinta, Diener, Larkin. Non stanziano i nomi di Sabbioni (50.21) e Ceccon (50.96) che siglano un tempo troppo alto e non sufficiente per l’atto conclusivo.

CARRARO, ANCORA RECORD – Martina Carraro continua a stupire tutti. L’azzurra rinnova il record nazionale stabilito questa mattina, diventando la prima italiana ad andare sotto i 30 secondi nei 50 rana. 29.79 per Carraro che insidia addirittura il tempo di Atkinson, con cui verosimilmente si giocherà la vittoria. Non può sorridere altrettanto Arianna Castiglioni che non si qualifica per la lotta alle medaglie. Da segnalare nei 200 farfalla maschili il record del mondo del giapponese Seto, con tanto di medaglia d’oro. 1.48.24 del giapponese che chiude davanti a Le Clos e Li.

CUSINATO FUORI DAL PODIO – Ilaria Cusinato ha archiviato la finale dei 400 femminili con 4.27.88. Quarta l’azzurra con il successo finito nelle mani di Katinka Hosszu con 4.21.40. Argento e bronzo rispettivamente per Margalis e Lesaffre. Grandi indicazioni invece da Fabio Scozzoli che con uno splendido 56.30 vola in finale nei 100 rana. Il trentenne di Lugo ha siglato il miglior crono delle due semifinali. Fuori invece Martinenghi con 57.47.

La giornata di martedì 11 dicembre si è conclusa con le due staffette 4×100, maschile e femminile. Tra le donne è arrivato il trionfo degli Stati Uniti (in testa al medagliere), davanti ad Olanda e Cina. Il team Italia presente solamente tra gli uomini: Condorelli, Miressi, Orsi e Zazzeri sfiorano l’impresa arrivando di un soffio dietro al Brasile (per appena 5 centesimi!). Gli Stati Uniti sono d’oro davanti alla Russia.