Nuoto, Mondiali Budapest 2022: bronzo Quadarella negli 800 stile libero, Panziera quarta nei 200m dorso

Simona Quadarella bronzo Mondiali Budapest - Foto Giorgio Scala e Andrea Staccioli / DBM

Riscatto di Simona Quadarella nella finale degli 800m stile libero femminili. Gara splendida dell’azzurra che conquista la medaglia di bronzo chiudendo in 8:19.00 dietro solo all’australiana Melverton (8:18.77) e a una Ledecky impressionante, oro in 8:08.04. Grande gioia per la 23enne dopo la delusione dei  1500m.

LE PAROLE DI QUADARELLA DOPO BRONZO

Non centra il primo podio azzurro di giornata un Lorenzo Zazzeri solo sesto nei 50m stile libero maschili ai Mondiali di Budapest 2022. L’azzurro ha chiuso con il tempo di 21.81, in una gara dominata, come da pronostico, dal britannico Benjamin Proud, oro in 21.32 davanti allo statunitense Michael Andrew (21.41) e al francese Maxime Grousset (21.57). “Non sono riuscito a ripetere partenza di ieri, però oggettivamente è stata una finale di altissimo livello, sono andati tutti molto forte. Oggi in canna avevo questo – ha dichiarato Zazzeri ai microfoni di Rai Sport al termine della gara -. Mi sono divertito molto e mi sono confermato tra i migliori al mondo. Va bene così”.

Falsa partenza e squalifica per Silvia di Pietro nella prima semifinale dei 50m farfalla, mentre Benedetta Pilato aggancia un’altra finale con il miglior tempo nei 50m rana dominando la prima semifinale chiusa sotto i 30 secondi, in 29.83. Conquistano il pass per l’ultimo atto anche Meilutyte, Van Niekerk, Tang, Jefimova, Conceicao, Elendt e King. “Si va in finale. Speravo di fare un po’ di meno ma a prescindere dal tempo è importante mettere la mano davanti – ha dichiarato la campionessa del mondo nei 100m rana al termine della gara – Sono un po’ stanca, anche stamattina negli ultimi 15 facevo fatica a trovare il ritmo. Però è un 50, domani raccogliamo le ultime energie: è la mia gara, mi viene molto più facile del 100 anche se in questo periodo faccio più fatica in questa specialità che nella doppia distanza” ha aggiunto ai microfoni di Rai Sport.

IL PROGRAMMA DI VENERDI’ 24 GIUGNO

PROGRAMMA NUOTO: DATE, ORARI E TV

IL CALENDARIO COMPLETO: ORARI E TV, GIORNO PER GIORNO

Podio sfiorato per Margherita Panziera nella finale dei 200m dorso femminili. L’azzurra firma un recupero incredibile nell’ultima vasca ma non basta per il terzo posto, chiude in 2:07.27 in quarta posizione. Medaglia d’oro per l’australiana McKeown in 2:05.08, argento per la statunitense Bacon in 2:05.12 e bronzo per l’altra americana White in 2:06.96. “Arrivo quarta sempre per qualche decimo. Però sono contenta di come ho gestito la gara, ho voluto fare una gara più intelligente, senza guardare le altre la cui velocità di base è migliore della mia. Ho cercato di nuotare bene e fare il mio – ha detto Panziera dopo la gara – Sono contenta della buona gara e di aver abbassato il tempo. Volevo fare questo tempo qui, sapevo che andare sotto i 2′ e 7″ era difficile ma va bene così. E’ buono in vista degli europei di Roma. Cosa significheranno per me? Sarà la fine di una stagione molto lunga, è stata parecchio intensa dal punto di vista emotivo. Sono una romana di adozione, gareggiare a Roma, dove ormai vivo da 8 anni e nei 200 il giorno del mio compleanno: sono contenta”.

GLI ITALIANI IN GARA, GIORNO PER GIORNO

TUTTI I RISULTATI, GIORNO PER GIORNO

IL MEDAGLIERE AGGIORNATO

Thomas Ceccon migliora ancora il record italiano nella semifinale dei 50m dorso maschili. L’azzurro chiude in 24.46, tempo che vale la seconda posizione nella seconda semifinale e il quarto tempo complessivo dietro ai due statunitensi Ress (24.14) e Armstrong (24.16) e al greco Christou (24.39). Fuori un buon Michele Lamberti, undicesimo in 24.86. “I primi due forse sono irraggiungibili in questo momento: uno ha il record del mondo, l’altro ha nuotato sotto i 24. Quei tempi sono un po’ una follia per me. Ma con questo crono che ho fatto probabilmente si andrà a medaglia, speriamo bene – ha dichiarato Ceccon – I 50 dorso sono una gara che non faccio mai benissimo. Nuotavo sempre con una frequenza troppo alta o troppo bassa. Oggi ho cercato di fare una via di mezzo e sono molto contento”.

Si chiude con un settimo posto della staffetta azzurra nella 4×100 stile libero mista la settima giornata della rassegna iridata. Lorenzo Zazzeri, Alessandro Miressi, Chiara Tarantino e Silvia Di Pietro chiudono in 3:25.83 una gara che ha visto il nuovo record del mondo firmato dall’Australia in 3:19.38, medaglia d’oro davanti a Canada (3:20.61) e Stati Uniti (3:21.09).