Nuoto di fondo, Mondiali Gwangju 2019: Italia d’argento nella staffetta 5 km

Gregorio Paltrinieri Gregorio Paltrinieri - Foto Sportface

L’Italia festeggia la medaglia d’argento nella staffetta 5 km (nuoto di fondo) dei Mondiali di Gwangju 2019. Al termine di una gara vissuta in rimonta e con un finale corpo a corpo, il quartetto azzurro trova il secondo gradino del podio mondiale dietro alla Germania. Merito di Rachele Bruni, Giulia Gabbrielleschi, Domenico Acerenza e Gregorio Paltrinieri, autori di una splendida progressione dal tredicesimo posto del primo cambio alla seconda posizione per una questione di centesimi in mezzo alla nazionale tedesca e agli Stati Uniti.

LA CRONACA – Sotto una leggera pioggia alle ore 8:00 locali parte la gara con l’Italia che schiera Bruni come prima staffettista. Rachele fa fatica nel gruppone iniziale scivolando ben presto al limite di una top-10 guidata dall’Israele con Rosin. Infatti al primo cambio l’azzurra lascia un compito complicato a Gabbrielleschi che entra in acqua tredicesima con 24 secondi di gap. Ma Giulia non si scompone e metro dopo metro recupera terreno tanto che al cambio piazza l’Italia in nona posizione con poco più di mezzo minuto di ritardo. Di qui la svolta: in acqua entra il primo uomo italiano Acerenza che semina il panico e come un missile ricuce il gap portandosi sulla scia di Stati Uniti, Cina e Germania in testa. Poi il cambio finale con Paltrinieri che lotta fianco a fianco con la Germania (Muffels) e gli Stati Uniti (Brinegar). Una battaglia estenuante fino all’imbuto dell’arrivo dove, al photofinish, ad esultare è la nazionale tedesca. Ma anche l’Italia può festeggiare con l’argento conquistato per un solo decimo di vantaggio sugli Stati Uniti. Una piccola rivincita dopo tante sfortune in questo avvio di Mondiale.

About the Author /

Nato ad Oristano il 2 aprile 1994. Dalla Formula 1 al calcio, passando per tennis, sci alpino e NHL: semplicemente un malato di sport con tanti sogni nel cassetto.