Euro Volley 2021, De Giorgi su Italia-Germania: “Tedeschi squadra molto fisica ma sono fiducioso”

Ferdinando De Giorgi Ferdinando De Giorgi - Lube Macerata - Foto Profilo Facebook Superlega

Il ct dell’Italvolley maschile Ferdinando De Giorgi ha fatto il punto alla vigilia di Italia-Germania, sfida valida per i quarti di finale di questi emozionanti Europei 2021: “Arriviamo bene a questa fase del torneo, abbiamo sfruttato tutto il tempo e tutte le partite a disposizione cercando di realizzare il massimo in termini di intesa, di gioco e di feeling. Ora dovremo continuare a giocare con questo tipo di atteggiamento con il grande desiderio di fare sempre dei passi in avanti”. L’allenatore azzurro, parlando degli avversari, si è mostrato particolarmente preoccupato della loro aggressività e forza alla battuta.

Sarà estremamente importante entrare in campo con il giusto atteggiamento: “La Germania è una squadra difficile da affrontare, fisica e che batte molto bene; forzano molto al servizio quindi ci saranno momenti in cui dovremo essere bravi a contenerli da questo punto di vista; così come sono molto forti in attacco. Io però sono fiducioso, abbiamo mezzi e qualità per poter affrontare questa squadra cercando, naturalmente di batterla; poi è chiaro che ogni partita ha la sua storia, il suo percorso. Per me importante sarà vedere i ragazzi scendere in campo con il consueto atteggiamento, con la voglia di aiutarsi e di trovare soluzioni guardando avanti”. 

De Giorgi ha parlato anche del bellissimo rapporto che intercorre con Andrea Giani, suo ex compagno di squadra ed attualmente allenatore proprio dei tedeschi: “Il rapporto tra me e Giangio è ottimo, così come con tutti i miei ex compagni di squadra. E’ un piacere giocare contro di lui in una sfida così. Sia io sia lui però in questo momento siamo concentrati sulla partita. Ognuno di noi cercherà di farla propria al di là dei nostri legami affettivi. Qui all’Europeo ci sono tanti allenatori italiani e credo che questo debba essere motivo di grande orgoglio perché è una forma di riconoscimento per la scuola degli allenatori italiani a livello mondiale”.