Volley: addio a Bebeto, ct dell’Italia campione del mondo del 1998

di - 14 marzo 2018

Paulo Roberto de Freitas, detto Bebeto, è morto all’età di 68 anni in maniera improvvisa, secondo i media brasiliani a causa di un infarto. Questa notizia scuote tutto il mondo della pallavolo che perde uno dei più grandi esponenti di questo sport che ha lasciato ottimi ricordi sia a casa sua in Brasile che in Italia, dove ha guidato la Nazionale italiana.

Da giocatore Bebeto ha conquistato 11 titoli brasiliani con il Botafogo, vestendo anche la maglia verdeoro della nazionale sudamericana alle Olimpiadi del 1976 tenutosi a Montreal. Da allenatore ha guidato come commissario tecnico il Brasile portandolo fino all’argento nelle Olimpiadi di Los Angeles 1984 prima di trasferirsi in Italia nel 1990 dove ha portato la Maxicono Parma a conquistare diversi trofei nella sua carriera.

Bebeto però è rimasto nei cuori dei tifosi italiani di pallavolo per aver preso il posto alla guida della Nazionale italiana maschile di Julio Velasco riuscendo a conquistare la World League del 1997, il bronzo agli Europei 1997 e, soprattutto, il titolo di Campioni del Mondo nel 1998, terzo consecutivo per gli azzurri. Nel totale della sua avventura azzurra ha guidato la nazionale in 71 gare collezionando 52 vittorie e 19 sconfitte. Negli ultimi anni aveva virato la sua attenzione sul calcio, ricoprendo diverse cariche dirigenziali tra Atletico Mineiro e Botafogo.

Da quanto riportato dai media sudamericani il tragico evento sarebbe avvenuto proprio durante un evento dell’Atletico Mineiro con un infarto che avrebbe colpito il grande giocatore e tecnico brasiliano.

© riproduzione riservata