MotoGP, GP Motegi 2017: le pagelle. Dovizioso spaziale, Marquez s’inchina

di - 15 ottobre 2017
Andrea Dovizioso - Foto Bruno Silverii

Le pagelle del Gran Premio del Giappone, quindicesima tappa del Mondiale 2017 della MotoGP. A Motegi è super duello fra Marc Marquez e Andrea Dovizioso con il pilota della Ducati che trionfa davanti al diretto avversario nel Motomondiale. Buona gara anche da parte degli altri italiani Danilo Petrucci e Andrea Iannone mentre Valentino Rossi cade al 6° giro e conclude il suo GP con un ritiro.

Le pagelle del Gran Premio del Giappone

Andrea Dovizioso (Ducati): Quinta vittoria per Dovi, conquistata nelle ultime curve, che Desmo, che Dovi! Non molla fino all’ultimo giro e approfitta di un errore nel terzo settore di Marquez per riagganciarlo e superarlo all’ultima curva, dopo un tentativo kamikaze del campione del mondo in carica. Andrea vuole questo Mondiale e noi con lui. Voto: 10+.

Marc Marquez (Honda): ha dovuto cedere la vittoria alle ultimissime curve, ma che gara anche per la Formica Atomica. I due contendenti non mollano e ci fanno divertire ogni gara, facendoci perdere anche qualche anno di troppo. Voto: 9,5.

Danilo Petrucci (Ducati Pramac): la sua stagione è così. Giorni da leone, giorni passati in sordina. Oggi è stato un leone, girando in testa per quasi metà gara, salvo poi aver ceduto il passo ai due contendenti del Mondiale, che avevano un passo nettamente superiore nella seconda parte, dovuto probabilmente al calo della scelta soft del Petrux. Un altro podio, sperando che rimanga regolare lassù fino a fine stagione. Voto: 9.

Andrea Iannone (Suzuki): grande Iannone! Sul mare di Motegi la crisi sembra essere sparita e questo quarto posto equivale a una boccata d’aria fresca per lui, il suo team e anche per i suoi tifosi. Bello rivederlo lassù. Voto: 9.

Alex Rins (Suzuki): miglior risultato in carriera per il rookie Suzuki! Un quinto posto incredibile e combattuto con il vecchio rivale della Moto2 Zarco prima e con il compagno di squadra poi. Pian piano sta arrivando anche lui, l’anno prossimo (moto permettendo) potrà abituarsi alle posizioni che contano. Un talento che finalmente sta uscendo fuori anche nella classe regina. Voto: 9+.

Maverick Vinales (Yamaha): opaco, mai in grado di risalire la china dalle posizioni meno importanti. I limiti della Yamaha 2017 si confermano e Mack se ne torna a casa con un misero nono posto e la lotta per il campionato sfumata. Voto: 5.

Valentino Rossi (Yamaha): quando sembrava essere cominciata la risalita per le prime 5-6 posizioni, il Dottore e la sua M1 son finiti miseramente a terra. Un weekend iniziato male e finito peggio. Peccato soprattutto per altri punti persi dalla rincorsa alla terza posizione in classifica generale, che ormai sembra un discorso chiuso. L’obiettivo sarà recuperare Pedrosa e chiudere al quarto posto, cercando di vincere almeno una gara per riprendere fiducia per la prossima stagione. Voto: 5.

Il duello per l’allora continua e mancano solamente tre round. Il Dovi mangia punti e sale a 233, a sole 11 lunghezze da Marquez (244). Dietro di loro, distante, rimane Vinales a quota 203, mentre Pedrosa e Valentino rimangono fermi rispettivamente con 170 e 168 punti. Tra sette giorni il terzultimo atto, in Australia a Phillip Island.

© riproduzione riservata