LIVE – Young Boys-Juventus, Allegri in conferenza stampa (DIRETTA)

Massimiliano Allegri - Juventus - Foto Bruno Silverii

Alla vigilia di Young Boys-Juventus, match dell’ultima giornata della fase a gironi di Champions League, toccherà anche a Massimiliano Allegri tenere la tradizionale conferenza stampa pre partita. Qualificazione in tasca per i bianconeri a caccia di un risultato positivo in Svizzera per chiudere al meglio questa fase prima dell’eliminazione diretta.

Quali saranno le dichiarazioni dell’allenatore bianconero? Scopriamolo insieme su Sportface.it con una diretta testuale a partire dall’inizio dell’evento.

AGGIORNA LA DIRETTA


18.19 – Termina qui la conferenza stampa di Massimiliano Allegri

18.18 – Su Alex Sandro: “Rientra domani a disposizione, metterlo dentro subito sul sintetico mi sembra rischioso: sarà pronto per sabato”

18.17 – Il punto su Bernardeschi e Douglas Costa: “Stanno riprendendo una condizione ottimale, fisica e mentale, daranno una mano entrambi a gara in corso o dall’inizio. Poi è importante anche sabato dove avrò bisogno di tutti”

18.16 – Sulle scelte a centrocampo: “Matuidi non sarà della partita, verrà in panchina. Ho Pjanic e Bentancur, potrei dare minutaggio a Emre Can a gara in corso”

18.15 – Sulla competitività della Champions League: “E’ nettamente più competitiva: ci sono tante squadre che hanno possibilità di arrivare in fondo. Noi, il Real Madrid, il Barcellona, il Bayern Monaco, il PSG, il Liverpool, il Manchester City: in tante possono arrivare in fondo. L’unico turno più morbido può essere l’ottavo se arriviamo primi, altrimenti giocheremmo contro una di queste grandi squadre”

18.13 – Sul primo posto nel girone: “La Juventus fa parte delle prime classificate ed evitare agli ottavi Real Madrid, Barcellona, Manchester City, sarebbe importante. Speriamo che stasera passino Napoli e Inter, vorrebbe dire vedere le quattro italiane agli ottavi: affronteremmo un quarto di finale più facile”

18.12 – Sulla titolarità di Cristiano Ronaldo: “Non fosse stata decisiva, avrebbe riposato, lui come tanti altri. Lo farà Chiellini perché quando vede il sintetico si fa male. Anche durante la passeggiata gli ho detto ‘cammina poco e piano’…”

18.11 – Sullo Young Boys: “Dobbiamo cercare di vincere la partita, servirà una partita seria e la Juventus lo farà. Siamo una squadra responsabile, un risultato negativo ce lo porteremmo dietro e non ne abbiamo tempo. Prima di dire che sarà facile, serve giocare sul campo. A Manchester hanno fatto una bella partita, con personalità. Se non affronti queste gare così, esci con le ossa rotte”

18.10 – Le prime parole di Allegri: “Non giocherà Chiellini, ci sarà Rugani con Bonucci. Giocherà Bentancur, difficilmente Alex Sandro che è a disposizione. Davanti Ronaldo, mentre per gli altri devo decidere”

18.08 – Sul primato nel girone: “È fondamentale arrivare primi. Lo abbiamo meritato e dovremo confermarlo domani, aspetteremo il sorteggio con maggior tranquillità”

18.06 – Sulla parata su Diakhaby in Juventus-Valencia: “È stata una parata importante in un momento importante, ma è il mio dovere. Io scendo in campo per fare queste parate, a volte non ci riesco, ma quando lo faccio è sempre bello”

18.05 – Ancora Szczesny sul manto sintetico: “Cambia un pochino perché un campo in sintetico la palla è sempre più veloce, però le grandi serate di Champions potrei giocarle anche sulla sabbia, quindi cambia poco”

18.03 – Al fianco di Allegri c’è il portiere Szczesny: “Ci aspettiamo una partita difficile contro una squadra che in casa ha saputo creare tanto. Dovremo quindi essere attenti in difesa”

17.43 – Gentili lettori buon pomeriggio e benvenuti alla diretta testuale della conferenza stampa di Massimiliano Allegri alla vigilia di Young Boys-Juventus. Il tecnico bianconero si presenterà in sala stampa intorno alle ore 18:00

About the Author /

Romano, nato in una calda estate del 1995 mentre la capitale iniziava a scoprire Francesco Totti e Alessandro Nesta. Cresciuto tra la terra e i sassi dei campetti della periferia romana e appassionato di scrittura. Ma tra il pallone e la penna ho scelto un compromesso: scrivere di calcio