LIVE – Vuelta Espana 2019, diciottesima tappa: tutti gli aggiornamenti (DIRETTA)

Qui comincia a farsi la storia, qui si comincia a capire chi salirà sul gradino più alto del podio domenica. Quattro salite, tutte di prima categoria che spingeranno Lopez e Pogacar a tornare alla caccia del podio dopo la tappa pazza di Guadalajara, mentre Roglic è chiamato a difendersi. Ci attendono tante emozioni e attacchi nella frazione, la diciottesima, che porta il gruppo da Colmenar Viejo a Becerril de la Sierra. Come sarà cambiata la generale dopo i 177,5 chilometri? Scopritelo con la diretta scritta di Sportface.it.

Segui il LIVE  a partire dalle 12:40

DICIOTTESIMA TAPPA: ORARI E COME VEDERLA IN TV 

PERCORSO E ALTIMETRIA 

AGGIORNA LA DIRETTA

____________________________________________________________________

FINISCE QUA CON IL SUCCESSO DI HIGUITA

17.15 – Hagen regola il gruppetto di Quintana che paga circa un minutino

17.14 – Roglic e Valverde al fotofinish, dovrebbe essere passato prima lo sloveno. Quarto Majka, quinto Lopez

17.13 – VINCE HIGUITA! PRIMO SUCCESSO IN CARRIERA PER IL COLOMBIANO!

17.12 – ULTIMO CHILOMETRO PER HIGUITA! Ancora 20″ per lui

17.07 – Quattro chilometri alla fine, ora la strada torna a salire leggermente. Vediamo se Higuita riesce a resistere al ritorno dei 4 e a gestire i 35″ di vantaggio.

16.58 – Higuita si lancia in picchiata verso un possibile successo, ancora 40″ per Lopez che fatica a trovare collaborazioni

16.52 – Ripreso Pogacar dal terzetto di Quintana.

16.50 – Lopez non viene aiutato da nessuno. Valverde non può dato che dietro ha Quintana, Roglic non ha interesse a distanziare il giovane connazionale Pogacar, tutto solo all’inseguimento. Mentre Majka probabilmente, appena riprende fiato, potrebbe aiutare il colombiano, sarebbe anche a suo vantaggio. Quintana invece ha avuto la fortuna di trovare per strada due alleati come Hagen e Meintjes.

16.47 – Al gpm anche il terzetto di Quintana, concentrati tutti in 1’30”.

16.45 – Higuita al gpm, ora falsopiano e poi lunga picchiata fino al traguardo. Nel mentre su Quintana e Hagen si è riportato anche Meintjes

16.41 – Pogacar vede il quartetto, paga una quindicina di secondi. Quintana intanto trova la fondamentale presenza di Hagen e il colombiano si incolla alla sua ruota. Una quarantina di secondi di ritardo per l’uomo della Movistar

16.39 – Si stacca Quintana! A rischio la sua posizione sul podio, Majka intanto rientra sul terzetto di Lopez.

16.37 – Chiude Valverde con Roglic, dietro seguono Pogacar, Quintana e Majka.

16.36 – ALTRA BOTTA DI LOPEZ CHE PARTE IN CONTROPIEDE!

16.36 – Rallentamento e prova ad allungare Majka

16.35 – ACCELERA DI NUOVO LOPEZ! Momento di difficoltà per Pogacar

16.30 – Ancora l’uomo della Ineos, altro attacco. Ora il britannico guadagna qualche metro.

16.29 – Prova a muoversi Geoghegan, gli prende subito la ruota Lopez che prova a tirare dritto. Chiude subito Valverde in compagnia di Roglic.

16.20 – Tutti i big di nuovo insieme all’inizio dell’ultima ascesa. Tutto da rifare.

16.17 – Lopez rientra sul gruppetto degli attaccanti, sul quale però si stanno riportando anche i big della generale trainati da Kuss e Soler. Intanto Higuita vanta un minutino di vantaggio.

16.05 – ATTACCA HIGUITA IN DISCESA, ora solo al comando! Dietro Soler al servizio di Valverde e Quintana. Tutta la corsa è comunque concentrata in 1’30”.

16.00 – Dietro tra i migliori si muovono Majka e Valverde, perde qualche metro la coppia slovena mentre Soler si ferma ad aspettare Quintana. Per fortuna del colombiano sono allo scollinamento e i pochi metri persi può recuperarli in discesa con l’aiuto del giovane spagnolo

15.59 – Lopez arriva al gpm con una ventina di secondi di vantaggio, per la discesa trova Fraile.

15.58 – Bouchard vince anche questo gpm, la maglia a pois è sempre più sua

15.58 – Dietro si muove Majka, chiude Pogacar che prova anche ad accelerare

15.51 – Davanti è scatenato anche Pernsteiner, l’uomo della Bahrain è da sta mattina che fa di tutto per vincere la tappa.

15.50 – PARTE LOPEZ!!! Non risponde nessuno, si mette Kuss a fare il lavoro in testa al gruppetto dei migliori

15.48 – Gli uomini in fuga continuano a prendersi a legnate sui denti, situazione che continua a cambiare. Intanto il forcing dell’Astana riporta il vantaggio degli attaccanti a 2’30”

15.45 – POELS SALTA SI RIPORTA SUI DUE DI TESTA E LI SALTA. All’olandese si attacca Higuita e anche il sudafricano prova a prendere la ruota dell’uomo Ineos.

15.38 – ASTANA IN TESTA AL GRUPPO! Tenta il forcing il team kazako con Boaro che ha portato i suoi in testa al gruppo. A breve potremmo assistere a qualcosa di importante.

15.36 – Lievita a 50″ il vantaggio dei due in testa alla corsa, da dietro si muove quindi Bouchard.

15.31 – Dietro si mette in testa al gruppo, a sorpresa, la Trek Segafredo che è rimasta fuori dalla fuga. La squadra italo americana vuole ricucire sugli attaccanti andando alla ricerca del successo di tappa. Intanto il duo al comando ha guadagnato subito 35″.

15.30 – Sta per cominciare la terza e penultima salita di giornata, vediamo se qualcuno accende la miccia.

15.24 – Davanti inizia a mancare un po’ di accordo, così Meintjes cerca di andarsene in compagnia di Koch

15.16 – Situazione abbastanza tranquilla in corsa con il gruppo che segue sempre a 5’30” di distanza.

14.48 – Ancora Bouchard a passare in testa a tutti al gpm, intanto vantaggio che si aggira sui 5′

14.36 – Il vantaggio della fuga si dilata a 4′.

14.23 – INCREDIBILE! Rientra da solo, sugli uomini al comando, Pernsteiner che sta facendo una corsa all’arrembaggio pazzesca

14.17 – C’è il ricongiungimento in testa alla corsa, sulla quale arrivano anche: Oliveira, Fraile, Koch, Rodriguez e Powless. Quindi 12 al comando con 2’50” sul gruppo.

14.13 – Cominciata la salita! 

14.12 – I 7 al comando: Higuita, Bouchard, Ludvigsson, Schultz, Meintjes e la coppia Ineos con Poels e Geoghegan Hart, quest’ultimo ancora in fuga.

14.07 – Anche Koch rientra sui 4 che inseguono gli uomini al comando

14.05 – Situazione in corsa: in sette al comando che si sono riportati su Poels, dietro inseguono in quattro. Poi il gruppo.

13.49 – CI RIPROVA PERNSTEINER! L’austriaco vuole andare via a tutti i costi, con lui Atapuma e il solito Bouchard.

13.45 – Poels passa per primo in testa al gpm, 38″ dopo passa per secondo Bouchard che consolida la maglia del leader della montagna. Dietro l’olandese situazione in continua evoluzione, nessuno riesce a fare la mossa giusta per riportarsi sulla testa della corsa.

13.40 – Attacca Meintjes che si riporta sui due all’inseguimento dell’olandese che continua a guadagnare. Il sudafricano cerca di ridare vitalità al tentativo di Pernsteiner e Bouchard ma dietro si stanno muovendo anche dal gruppo in parecchi.

13.35 – PROBLEMA AL CAMBIO PER DE GENDT! Il belga è costretto a fermarsi e viene riassorbito dal gruppo. Intanto su Pernsteiner si è riportato Bouchard che vuole difendere la maglia a pois. I due seguono a 25″ Poels, il gruppo però non è lontano da loro.

13.28 – Arriva sull’austriaco anche De Gendt, un treno da prendere al volo

13.25 – Va via da solo Poels alla ricerca di riscatto in questa Vuelta, fino a qua davvero deludente. Lo segue Pernsteiner a una decina di secondi. Poco dietro il gruppo.

13.20 – Cominciata da poco la salita. Si sta andando fortissimo, il gruppo si spezza subito e davanti continuano gli scatti

13.17 – Nuovo tentativo, prova Pernsteiner a portare via l’attacco giusto

13.13 – Annullato il primo tentativo di fuga, a breve ci saranno nuovi scatti. Tra due chilometri intanto comincia la salita

13.03 – Escono altri 4-5 uomini dal gruppo per riportarsi sulla testa della corsa. Situazione in continua evoluzione

13.02 – Davanti si forma un terzetto momentaneo con Morabito, Barta e Cavagna, quest’ultimo il fautore dell’azione

12:55 – Si inizia con un vento abbastanza fastidioso. Intanto ci si avvicina alla prima salita di giornata.

12:46 SI PARTE!

12:40 – Pochi minuti all’inizio della tappa.

12:35 – Buongiorno, e benvenuti alla diretta scritta della diciottesima tappa, che avrà inizio a breve.

About the Author /

A 6 anni i primi calci a un pallone, a 12 le prime pedalate in sella a una Bianchi e non ci è voluto molto a capire che quelli erano i miei due mondi e che avrei dovuto raccontarli, scrivendo i gol dei campioni e le imprese degli eroi su due ruote. A 20 anni mi ritrovo a studiare presso la facoltà di Scienze della Comunicazione a Bologna