Tiro a volo, cambiano i criteri di qualificazione per le Olimpiadi di Tokyo

Mauro De Filippis - Foto Ufficio Stampa Fitav

In seguito allo slittamento delle Olimpiadi al 2021, la Federazione internazionale degli sport di tiro ha ufficializzato il nuovo sistema per le qualificazioni a Tokyo per quanto riguarda il tiro a volo. E’ arrivato l’ok del Cio che ha dunque approvato quanto stabilito dalla federazione. Le carte olimpiche che originariamente erano in palio nell’Europeo 2020 di Chateauronoux verranno assegnate nella rassegna continentale 2021 a Osijek, mentre i pass in palio con il World Ranking verranno assegnate sommando i punti ottenuti fino al 21 marzo e a questi si sommeranno quelli conquistati in una tappa di Coppa del mondo ad aprile.

In questo modo, l’Italia viene a perdere, per il momento, una carta olimpica maschile sulla base del World Ranking, anche se al momento al primo posto resta Mauro De Filippis. Il direttore tecnico Albano Pera commenta così quanto stabilito: “Nei mesi scorsi la ISSF aveva scritto sul sito che avrebbe assegnato la carta Olimpica per il World Ranking il 31 maggio di quest’anno, come da regolamento, e noi avremmo ottenuto la carta al maschile sulla base della classifica attuale, poi hanno cambiato idea. Comunque, al di là di tutto e rispettando il principio di massima sportività che ha sempre caratterizzato la mia carriera di tiratore prima e di tecnico poi, credo che questa decisione sia quella più logica adottare. Congelare il world ranking e spostarlo un anno in avanti, così com’è stato per le Olimpiadi. Devo ammettere che è stata una decisione non facile da ottenere perché le idee ai vertici internazionali erano molto diverse”.