Pallanuoto, Final Four Coppa Italia 2021: Brescia a valanga su Ortigia, semifinale senza storia

Final Four Coppa Italia pallanuoto, Palermo - Foto Sportface

PALERMO – Termina con un netto 17-8 la seconda semifinale delle Final Four di Coppa Italia di pallanuoto maschile a Palermo tra Brescia e Ortigia. La formazione lombarda non ha avuto pietà dei siracusani, sottotono e forse provati psicologicamente da quanto accaduto nelle ultime ore. A causa di una positività nello staff al Covid-19, infatti, i siciliani avevano in un primo momento rinunciato alla partecipazione, poi però con i test negativi di tutto il gruppo squadra via libera al loro viaggio per il capoluogo regionale. La testa, però, forse era altrove e così l’andamento del match non ha avuto storia.

Inizia col piede sull’acceleratore Brescia, che probabilmente si sentiva già in finale vista la momentanea rinuncia degli avversari. I lombardi vanno a segno con Renzuto Iodice, poi c’è l’illusorio pareggio firmato da Napolitano. Da qui in avanti, è un calvario per Ortigia: Lazic firma il 2-1, poi il veterano Presciutti dà vita a una serie di gol in fila per l’An, in gol su rigore con Cannella, poi ancora con Renzuto Iodice, dunque con Di Somma. La beduina di Rocchi porta il parziale sul 6-2, Lazic trova la doppietta che chiude il primo periodo sul 7-2. Nel secondo quarto non migliorano le cose per Ortigia: Alesiani e Lazic (tripletta per lui) portano il punteggio sul 9-2, piccola reazione d’orgoglio dei siracusani con una doppietta di Condemi, quindi a cavallo dell’intervallo più lungo altra pioggia di gol di Brescia con i due di Jokovic, Presciutti (doppietta) e Gitto. 13-4 quando mancano due minuti alla fine del terzo parziale e per la squadra di Abela sembra ormai tanta la voglia che il match sia finito. Mancano invece dieci minuti e a suonare la carica è Simone Rossi per il quinto gol, a cui fa seguito la rete di Pippo Ferrero. Si entra nell’ultimo periodo sul 13-6 e arrivano subito due gol di Brescia con Di Somma e Alesiani che si lancia in controfuga, subisce ostruzione e resiste e poi batte Tempesti. Il siracusano doc Sebastiano Di Luciano firma la rete del 15-7, ma Vlachoupoulos si iscrive nel tabellino per il 16-7 a un minuto e mezzo dal termine. Gli ultimi gol portano la firma di Gallo e Renzuto Iodice per il definitivo 17-8.

BRESCIA-ORTIGIA 17-8 (7-2, 3-2, 3-2, 4-2)