Nuovo stadio Milano, Malagò: “Per Olimpiadi 2026 nessun problema, massima flessibilità”

Giovanni Malagò Giovanni Malagò - Foto Osservatorio Promozione Sportiva

C’è massima flessibilità da parte del Comitato Organizzatore delle Olimpiadi Invernali di Milano e Cortina, a proposito della possibilità di spostare la cerimonia di inaugurazione da San Siro al nuovo stadio che Milan e Inter intendono costruire entro il 2023: il presidente del Coni Giovanni Malagò prova a spazzare via le polemiche scaturite intorno al progetto delle due società di calcio meneghine di costruire un nuovo stadio al posto del Meazza.

Il sindaco di Milano Beppe Sala aveva alcuni giorni fa dichiarato che lo stadio di riferimento per i Giochi 2026 sarebbe stato proprio San Siro, ma Malagò getta acqua sul fuoco e usa diplomazia: “Il tema è tutto nelle mani del Comune di Milano e delle due società. A noi va bene tutto: sia l’attuale San Siro, ovviamente migliorato e ristrutturato, ma va bene anche che si crei un nuovo San Siro con tutte le tecnologie e opportunità, anche se con una capienza inferiore, cosi’ come se dovessero emergere eventualità alternative. C’è flessibilità”, conclude il numero uno dello sport italiano.