MotoGP 2020: il pagellone della stagione

MotoGP - Foto Box Repsol

Il pagellone del Mondiale 2020 di MotoGP. Joan Mir, alla seconda stagione in classe regina, conquista il titolo in un anno stranissimo, caratterizzato dalla pandemia e dall’assenza di Marc Marquez per un infortunio che lo ha tenuto fuori fino alla fine. Seconda piazza per Franco Morbidelli davanti ad Alex Rins. Quarto Andrea Dovizioso.

Joan Mir 10

Nella stagione più pazza di sempre, è sempre uno spagnolo a spezzare l’egemonia di Marc Marquez. Dopo un’inizio incerto, la costanza mantenuta a partire dal GP d’Austria ha pagato, con la prima e unica vittoria arrivata solamente a due gare dalla fine.

Franco Morbidelli 9

Dopo due anni passate a navigare a metà classifica, con un decimo posto come miglior risultato nella classifica finale, il Morbido tira fuori tutto quello che può dalla sua moto e diventa il faro di una Yamaha più che mai in crisi. Senza le tre gare chiuse a zero punti, l’epilogo sarebbe potuto essere diverso.

Alex Rins 8

La stagione da urlo della Suzuki è anche merito suo, che colleziona una vittoria e parecchi podi, prendendosi forse meno meriti di quelli dovuti solo a causa di un super Mir. Lo spagnolo ha comunque di che essere soddisfatto.

Jack Miller 7.5

Quello che più di tutti, alla guida di una Ducati, si è reso protagonista di un exploit. Il risultato finale non è all’altezza di quanto mostrato, ma pesano tanto i quattro GP conclusi con zero punti. Il prossimo anno, nel team ufficiale, l’australiano avrà il compito di confermare la possibilità di lottare sempre per le prime posizioni.

Fabio Quartararo 5.5

Viste le aspettative e soprattutto tenuto conto dell’avvio di stagione, il voto del francese non può essere sufficiente nonostante la posizione in classifica non sia delle peggiori. Quartararo era atteso a un upgrade che non è arrivato, ma il tempo per crescere è tanto e non serve avere fretta.

Maverick Vinales 5.5

L’inizio positivo viene vanificato da una seconda parte di stagione incolore, anche per via di una moto che non dà quello che dovrebbe.

Valentino Rossi 5

La partenza aveva lasciato sperare in ben altri risultati. Dopo due quinti posti e un podio, però, la stagione del Dottore è stata caratterizzata da ritiri e assenze per la positività, che lo ha condizionato anche al rientro in pista. Non è solo colpa sua, certo, perché la moto non è stata d’aiuto e la sfortuna nemmeno. I tifosi del numero 46, però, non possono che restare delusi.

Andrea Dovizioso 5

Si chiude nel peggiore dei modi l’esperienza di Dovizioso in MotoGP con la scuderia che lo ha portato più volte a sognare il titolo. Il forlivese non riesce mai a dare davvero fastidio ai piloti più in forma, mancando l’occasione di poter approfittare dell’assenza di Marquez per lottare per la vittoria finale.

Danilo Petrucci 4.5

La vittoria di Le Mans è, purtroppo, solo un’eccezione. Petrucci in questa stagione non si fa quasi mai vedere dove conta. Forse il passaggio in KTM arriva al momento giusto.