Finale Mondiale donne 2019, Usa-Olanda: americane sul tetto del mondo

Logo Coppa del Mondo Francia 2019 calcio femminile

L’America è, per la quinta volta, sul tetto del mondo, battuta l’Olanda per 2-0 nella finale del Mondiale di calcio femminile 2019. Stati Uniti in Paradiso, grazie alle reti della Rapinoe, su rigore, e della Lavelle, olandesi a un passo dal sogno iridato.

Un primo tempo giocato su ritmi piuttosto bassi con l’Olanda che difende con attenzione e cerca di rendersi pericolosa in contropiede e gli Stati Uniti che a lungo faticano a rendersi pericolose. Verso la mezz’ora, però, la Rapinoe comincia a sfondare sulla sinistra e dai traversoni e le palle inattive arrivano le occasioni più ghiotte per le americane. Sempre brava la Van Veenendaal a salvare anche sulle conclusioni più difficili da distanza ravvicinata. Ad eccezione degli ultimi 10′ del primo tempo dove ha dominato l’Usa, vi è stato grande equilibrio nella prima frazione.

Un secondo tempo a tratti soporifero con nessuna delle due compagini che riesce ad arrivare pericolosamente dalle parti del portiere avversario. Al 60′, però, la Van der Gragt interviene con la gamba altissima sulla Morgan in area di rigore, l’arbitro va al Var e assegna il penalty. Si presenta sul dischetto la Rapinoe che a sangue freddo spiazza l’estremo difensore olandese. Qualche minuto più tardi la difesa neerlandese è disastrosa, non contrastano nemmeno la Lavelle che ha il tempo di prendere la mira e freddare la Van Veenendaal per il definitivo 2-0. Nel finale le americane hanno più volte l’occasione di calare il tris ma il portiere olandese fa di tutto per tenere in vita le sue compagne e per rendere il parziale meno amaro. Stati Uniti per la quinta volta in Paradiso, Olanda a un passo dalla gloria.

 

About the Author /

A 6 anni i primi calci a un pallone, a 12 le prime pedalate in sella a una Bianchi e non ci è voluto molto a capire che quelli erano i miei due mondi e che avrei dovuto raccontarli, scrivendo i gol dei campioni e le imprese degli eroi su due ruote. A 20 anni mi ritrovo a studiare presso la facoltà di Scienze della Comunicazione a Bologna