Biathlon, staffetta femminile Mondiali Oestersund 2019: trionfo Norvegia, l’Italia cede ed è decima

Lisa Vittozzi Lisa Vittozzi - Foto Marco Trovati/Pentaphoto

La staffetta femminile dei Mondiali di Oestersund termina nel segno della Norvegia grazie ad una splendida Roeiseland. Suicidio di Oeberg che compie un ultimo poligono disastroso e regala la vittoria alle rivali. Si deve accontentare del secondo posto la Svezia, davanti all’Ucraina. L’Italia è invece decima, crollata dopo il secondo poligono in piedi di Alexia Runggaldier, la quale ha preso il posto di un’assente Wierer.

TRIONFO NORVEGESE – Gara pazza in quel di Oestersund, con la Norvegia sempre nascosta fino alla frazione di Eckhoff. L’atleta di punta del team nordico e Roeiseland completano la rimonta ai danni della Svezia, seconda con più di qualche rammarico. Oeberg usa tre ricariche all’ultimo poligono e permette il sorpasso, riuscendo comunque a tenere un buon margine dall’Ucraina (terza in volata sulla Germania).

ITALIA DECIMA – Con il forfait di Dorothea Wierer, difficile pensare a qualcosa in più. Le prime due frazioni però ci avevano illuso, e non poco. Lisa Vittozzi chiude al comando la propria frazione, lasciando il testimone ad un’ottima Nicole Gontier, con uno zero sia a terra che in piedi. Alexia Runggaldier non mantiene il passo delle connazionali e commette troppi errori. Speranze che se ne vanno assieme ai tre errori di Sanfilippo.

La classifica finale:

  1. Norvegia
  2. Svezia +24″3
  3. Ucraina +35″1
  4. Germania +35″6
  5. Russia +43″6

10. Italia +2′.32″