Hockey sul ghiaccio, revocata l’assegnazione dei Mondiali 2021 alla Bielorussia

Logo IIHF, International Ice Hockey Federation

Per motivi di sicurezza legati alla situazione politica del paese e all’emergenza coronavirus, la IIHF, la federazione internazionale di hockey su ghiaccio, ha deciso ufficialmente di revocare l’assegnazione dei Mondiali 2021 alla Bielorussia, che era stata nominata come paese co-ospitante insieme alla Lettonia con le città di Minsk e Riga in candidatura congiunta. La rassegna iridata, però, sicuramente non si disputerà a Minsk e la decisione è arrivata dopo un lungo conciliabolo e considerata come inevitabile dalla federazione. Si sta valutando la posizione del paese lettone, e la possibilità che sia un solo stato a organizzare l’evento per evitare eccessivi spostamenti in un anno in cui si dovrà ancora avere a che fare col Covid-19.

Il presidente Rene Fasel ha spiegato così le ragioni di questa decisione: “Durante questo processo, abbiamo cercato di promuovere che il Campionato del mondo potesse essere utilizzato come strumento di riconciliazione per aiutare a calmare le questioni socio-politiche che si verificano in Bielorussia e trovare una via positiva. E mentre il Consiglio ritiene che il Campionato del mondo non debba essere utilizzato per la promozione politica da nessuna parte, ha riconosciuto che ospitare questo evento a Minsk non sarebbe appropriato quando ci sono questioni più grandi da affrontare e la sicurezza e la protezione delle squadre, spettatori e funzionari a dare la priorità”.