Il Cio non esclude i membri russi e si appella alla Carta Olimpica

Il Comitato Olimpico Internazionale ha deciso di non escludere i funzionari russi come sanzione per la guerra in Ucraina, e per giustificarsi fa riferimento alla sua Carta olimpica: i membri del CIO, “non sono rappresentanti del loro paese all’interno del CIO. Piuttosto, vengono eletti come individui dal CIO e poi delegati alle organizzazioni sportive del loro paese come ambasciatori del CIO”.

Però, scrive ancora il Cio rispondendo allo Spiegel, al momento non ci sono riunioni del CIO a cui partecipino membri russi del CIO. La Svizzera aveva già fatto una campagna per l’esclusione di funzionari di Russia e Bielorussia dalle posizioni di vertice nelle associazioni sportive internazionali. Vista la situazione in Ucraina, non è più sufficiente escludere gli atleti dei due paesi dalle competizioni all’estero, si legge in una lettera al CIO del ministro dello Sport e della Difesa Viola Amherd.

L’autore: /

Romano, nato in una calda estate del 1995 mentre la capitale iniziava a scoprire Francesco Totti e Alessandro Nesta. Cresciuto tra la terra e i sassi dei campetti della periferia romana e appassionato di scrittura. Ma tra il pallone e la penna ho scelto un compromesso: scrivere di calcio