GP Ungheria: Verstappen festeggia la prima pole e la Mercedes non è più infallibile

Max Verstappen, Red Bull F1 - Foto Bruno Silverii Max Verstappen, Red Bull - Gran Premio d'Australia, Foto Bruno Silverii

Dal 2015 al 2019, una lunga attesa per festeggiare la prima pole position in carriera. Max Verstappen conquista un altro traguardo nel suo brillante avvio di stagione e conquista la prima pole al Gran Premio d’Ungheria. All’Hungaroring la marea orange ha abbracciato la “prima volta” dell’olandese che dopo 26 podi e 7 vittorie in Formula 1 quest’oggi ha potuto festeggiare anche il giro più veloce in qualifica e domani scatterà dalla prima casella della griglia di partenza. Una pole inattesa, considerata la forza della Mercedes mostrata nel passo qualifica tra gomma soft e media e che conferma l’ultimo trend con le frecce d’argento giunte al primo vero calo dopo un inizio da record.

MANCA LA PERFEZIONE – Prima il passo falso in Austria, poi il ritorno in Gran Bretagna fino ad arrivare al clamoroso fallimento in Germania. La Mercedes, anche in Ungheria, si è fatta sorprendere da Verstappen che con un giro pauroso ha piazzato la sua Red Bull davanti alla monoposto di Valtteri Bottas per soli 18 millesimi. E a mancare all’appello è Lewis Hamilton, parso in gran forma nelle libere e scomparso dietro il compagno di squadra con oltre un decimo di ritardo nel momento decisivo.

FERRARI LIMITA I DANNI – Con una Red Bull così sarebbe stato lecito aspettarsi anche un Gasly davanti alle Rosse. Ma il pilota francese non riesce ad ingranare e le Ferrari piazzano le due monoposto in quarta e quinta posizione. Charles Leclerc, nonostante abbia danneggiato il posteriore della SF90 durante il Q1, è riuscito a mettere il naso davanti a Sebastian Vettel conquistando così la quarta casella della griglia di partenza al fianco di Hamilton e siglando un netto 5-0 su Seb dopo la tappa canadese.

Ma la gara è domenica e negli ultimi weekend la F1 ci ha insegnato che nulla è scontato: un pacchetto di mischia interessante con pochi dati dopo le libere disturbate dalla pioggia. All’Hungaroring sarà ancora spettacolo.

About the Author /

Nato ad Oristano il 2 aprile 1994. Dalla Formula 1 al calcio, passando per tennis, sci alpino e NHL: semplicemente un malato di sport con tanti sogni nel cassetto.