F1, GP Turchia 2021. Hamilton: “Non è vero che sono arrabbiato con il team”

Lewis Hamilton - Foto Instagram

Non è vero che sono arrabbiato con il mio team. Come squadra lavoriamo per attuare la miglior strategia possibile, ma durante una gara bisogna prendere decisioni in tempi rapidi, e vi sono molti fattori che cambiano costantemente. Ieri ci siamo presi il rischio di restare in pista nella speranza che questa asciugasse, ma non è successo. Ho voluto rischiare provando ad andare fino alla fine, ma era una mia intenzione che non ha funzionato. Alla fine abbiamo fatto la sosta, ed è stata la cosa più sicura che avremmo potuto fare”. Si apre così il messaggio che Lewis Hamilton ha postato sul proprio profilo Instagram, all’indomani del GP di Turchia 2021 di F1, dove il britannico ha chiuso quinto, mostrandosi arrabbiato con il muretto per non aver seguito i suoi consigli riguardo il pit stop.

Il sette volta campione del mondo prosegue: “Si vince e si perde da squadra. Non aspettatevi che possa essere sempre gentile e calmo mentre sto gareggiando, siamo tutti molto passionali e può succedere di esternare l’intensità del momento, come accade per tutti i piloti. Dentro di me c’è il fuoco che mi ha permesso di andare lontano e che mi ha consentito anche di dimenticare qualsiasi attrito, ne abbiamo già discusso e siamo già pronti a guardare alla prossima gara”, ha concluso Hamilton.