F1, GP Giappone 2019: il tifone spaventa, la Mercedes fa paura nelle libere. Fatica la Ferrari

Lewis Hamilton, Mercedes F1 - Foto Bruno Silverii Lewis Hamilton, Mercedes - Gran Premio d'Australia, Foto Bruno Silverii

Il tifone Hagibis scompagina i programmi del weekend di Formula 1. Nella notte italiana è arrivata la comunicazione della FIA: cancellata la sessione di FP3 e nessuna qualifica il sabato , che verrà rimandata la domenica alle tre del mattino in Italia.

Nonostante questa comunicazione le FP2 diventano fondamentali, perché potrebbero determinare la griglia di partenza di domenica.

In questo venerdì tutt’altro che regolare la Mercedes con Valtteri Bottas ha dominato entrambe le sessioni, lasciando le briciole agli avversari. Al momento Suzuka continua essere un fortino per la squadra capitanata da Toto Wolff. Umore diverso per la Ferrari che non conferma le buone prestazioni viste a Sochi e Singapore, prendendo un grosso ritardo dalle frecce d’argento.

Nella prima sessione di prove libere il più veloce è stato Valtteri Bottas davanti a Hamilton e Vettel. Sul famoso circuito di Suzuka il pilota della Mercedes ha firmato il suo best lap in 1.28:731, precedendo di 76 millesimi il compagno di squadra. Una doppietta che conferma il grande feeling che ha la scuderia tedesca in questo circuito, ricordando che le frecce d’argento hanno sempre vinto questa gara dall’era dell’ibrido.

Lontane, forse troppo, le due Ferrari che non confermano le ottime prestazioni viste a Singapore e Sochi. Terzo Vettel, ma si trova a quasi 989 millesimi e precede Leclerc di due decimi. In questa prima sessione sembra che la Rossa di Maranello non abbia sfruttato al massimo la power unit, perché analizzando la velocità in rettilineo la scuderia di Brackley è sempre stata più competitiva della SF90.

Quinta posizione per Verstappen a 1315 millesimi da Bottas, precedendo Albon di tre decimi. La Red Bull in questo weekend sta utilizzando un nuovo carburante per utilizzare al meglio il motore Honda.

Settimo Carlos Sainz a 1644 millesimi dalla vetta, ma precede le due Racing Point di Perez e Stroll. Chiude la sessione la McLaren di Lando Norris.

Nella seconda sessione di prove libere il leader della classifica è sempre il finlandese davanti a Hamilton e Verstappen. Il miglior crono registrato dal pilota Mercedes è di un 1.27:785, precedendo esattamente di un decimo il compagno di squadra e di 281 millesimi l’olandese. Bottas è stato anche protagonista di un testa coda nel corso della sessione, ma non ci sono state conseguenze per la sua monoposto. Faticano ancora entrambe le SF90 con Leclerc quarto a 356 millesimi, davanti a Vettel di due decimi. Sesto Albon a 591 millesimi da Bottas e precede un ottimo Carlos Sainz. Chiudono la Top Ten Perez, Gasly ( che non ha girato in FP1, perché il suo sedile era stato lasciato a Yamamoto) e Lando Norris.

Domani, dunque, non ci sarà nessuna attività in pista, cancellate le FP3 e rimandata la qualifica domenica alle ore 10 (3 del mattino ora italiana). Se non si dovessero fare le qualifiche per via del tifone, la griglia di partenza sarà dettata dalla classifica finale delle FP2. In quest’ultimo caso non varrebbe la regola del parco chiuso.