L’angolo del ricordo: 22 maggio 2005, Raikkonen incanta Monte Carlo

Kimi Raikkonen McLaren 2005

Vincere a Monte Carlo ti permette di entrare nella leggenda, non solo della Formula 1 ma anche del motorsport. Il Gran Premio del Principato di Monaco è una tappa iconica, affascinante, complicata e di grande importanza. Nonostante la gara non fornisca grosse emozioni in termini di sorpasso, essa viene considerata come una delle più difficili dagli stessi piloti che già dal giovedì di libere (tradizione unica) devono fare i conti con gli insidiosi muretti a delimitazione del tracciato cittadino.

Vincere a Monte Carlo, dunque, non è qualcosa di ripetibile facilmente. Devi avere una macchina che si adatti alla perfezione a una conformazione di circuito unica nel suo genere, devi limitare al massimo le piccole imprecisioni nella traiettoria e devi avere anche una buona dose di fortuna. Un mix di tutto questo ti permette di conquistare la pole position e di guidare il GP con la sola preoccupazione di rispondere in tempo alle strategie pit della concorrenza.

L’appuntamento odierno de ‘L’angolo del ricordo’ combacia con la classica ricorrenza “accadde oggi”. Il 22 maggio 2005 a incantare il pubblico monegasco fu il finlandese Kimi Raikkonen che vinse il Gran Premio di Monaco a bordo della McLaren. Primo e unico successo in carriera per Kimi tra le strade del Principato in una gara comandata dal primo fino all’ultimo giro grazie alla pole conquistata al sabato per una manciata di millesimi davanti ad Alonso. In una tappa dove i big fallirono, Alonso 4° e Schumacher 7°, Raikkonen riuscì a gareggiare in tutta tranquillità mantenendo sempre un gap di oltre 10 secondi dalla concorrenza. Sul podio assieme al finlandese salirono a sorpresa le due Williams-BMW di Heidfeld e Webber. Riviviamo gli ultimi giri di quella gara e l’esultanza di Kimi al taglio del traguardo.

About the Author /

Nato ad Oristano il 2 aprile 1994. Dalla Formula 1 al calcio, passando per tennis, sci alpino e NHL: semplicemente un malato di sport con tanti sogni nel cassetto.