4 anni di Sportface.it, Tokyo 2020 e un obiettivo realizzato

Tokyo 2020

Il 2 febbraio 2020 è un giorno speciale. Perché è una data palindroma, certo, avvenimento assai raro, peraltro per la prima volta nella storia coincidente con la Candelora. Ma per Sportface.it il 2 febbraio è soprattutto il giorno del compleanno. Sono passati quattro anni da quel martedì 2 febbraio 2016 in cui lanciammo la prima versione del nostro sito. Progetto ambizioso e complicato, tutto incentrato sul sogno a cinque cerchi, a sei mesi dai Giochi Olimpici di Rio de Janeiro. Oggi, 48 mesi dopo, possiamo dire con soddisfazione di aver centrato un grande obiettivo.

Non stiamo parlando di numeri, peraltro molto positivi. Sportface.it è cresciuto anno dopo anno e il mese di gennaio, appena concluso con un numero di utenti unici quasi raddoppiato rispetto a gennaio 2019, ci fa sperare in un eccellente 2020. Per il direttore responsabile Alessandro Nizegorodcew e per il sottoscritto, però, la soddisfazione più grande è senza dubbio un’altra. Quando abbiamo mandato online il primo articolo, quattro anni fa, avevamo qualche idea e molto coraggio, ma certo non immaginavamo di poter costruire la realtà attuale, formata da nuovi, giovani giornalisti cresciuti con Sportface.it. Negli anni dei social network e della rapida trasformazione delle forme di comunicazione, la forza del nostro progetto sta tutta nelle persone che lo curano con infinita passione, ragazze e ragazzi che hanno avuto la voglia (e la pazienza) di imparare un mestiere bellissimo e sempre più complesso.

Grazie a loro Sportface.it continua a crescere e punta deciso ai prossimi obiettivi. Sullo sfondo c’è già Tokyo 2020, punto finale del quadriennio. Il nostro impegno sarà, anzi è già eccezionale. Perché sulla nostra pagina dedicata alla XXXII edizione dei Giochi Olimpici estivi potete trovare il calendario completo della manifestazione, tutte le notizie sulle gare di qualificazione e le nostre interviste esclusive agli azzurri già certi di gareggiare in Giappone. A Tokyo avremo poi due inviati a partire dal 17 luglio, esattamente una settimana prima della cerimonia di apertura, per raccontarvi gli ultimi preparativi e poi ogni minuto dell’Olimpiade nipponica. Perché Sportface.it oggi è più vecchio ma sempre concentrato sul sogno a cinque cerchi. 

About the Author /

Nato il 25 giugno 1982, pochi giorni dopo ho deciso di fare il giornalista sportivo guardando la finale di Wimbledon tra Connors e McEnroe e il terzo trionfo Mondiale dell'Italia. Professionista dal 2010, ho lavorato per la Gazzetta dello Sport, Il Tempo e l'agenzia di stampa Italpress. Amo tutti gli sport, soprattutto i più strani