Milano-Cortina 2026, Malagò: “Serve ruolo centrale del Governo”

Giovanni Malagò Giovanni Malagò - Foto LiveMedia/Fabrizio Corradetti

“Mi sembra giusto, anche in considerazione di tutto quello che è successo, che il governo abbia un ruolo centrale in quella che è una manifestazione che non è di una singola città o regione, ma anzi si ha l’ambizione di farla diventare Olimpiade dei territori“. Queste le parole del presidente del Coni Giovanni Malagò a margine di un incontro a Palazzo Lombardia sui Giochi Invernali del 2026 con il governatore Attilio Fontana.

Alla domanda se si riuscirà a colmare i ritardi nella realizzazione delle opere, il numero 1 dello sport italiano spiega: “Non è così scontato. Fa parte della nostra storia ridursi a rincorrere il ritardo”. Poi ha sottolineato: “Il ritardo nasce dal tempo perso per allestire l’agenzia per le infrastrutture. Non aiuta il fatto che ogni anno cambiano governi. Detto questo non è una cosa che riguarda lo sport o il comitato organizzatore che si deve occupare di organizzare al meglio i giochi olimpici e paralimpici. Poi c’è un’altra struttura pubblica che deve seguire al meglio nei tempi previsti e nel minor tempo possibile poche opere indispensabili e altre considerate essenziali e propedeutiche, come la parte viaria e stradale”, ha concluso Malagò.

About the Author /

Romano, nato in una calda estate del 1995 mentre la capitale iniziava a scoprire Francesco Totti e Alessandro Nesta. Cresciuto tra la terra e i sassi dei campetti della periferia romana e appassionato di scrittura. Ma tra il pallone e la penna ho scelto un compromesso: scrivere di calcio