Malagò: “A Parigi 2024 per fare bene: c’è preoccupazione per medio-lungo periodo”

Ernesto Furstenberg Fassio e Giovanni Malagò Ernesto Furstenberg Fassio e Giovanni Malagò - Foto Sportface

Giovanni Malagò ha rilasciato un’intervista a ‘L’Italia con voi’. Queste le parole del presidente del CONI: “Sta iniziando una stagione sportiva nel corso della quale ci si comincia a confrontare su grandi percorsi internazionali che arriveranno a chiudere il quadriennio a Parigi. A parte la disastrosa eliminazione dell’Italia dai mondiali di calcio, i risultati continuano a essere molto buoni. Dove onestamente penso che ci saranno problemi seri e importanti è nel medio se non nel lungo termine. A Parigi 2024 faremo comunque molto bene. Ci sono Pilato, Galassi e De Tullio nel nuoto che faranno bene. In prospettiva, Musetti nel tennis e anche la Trevisan che non è giovanissima ma è stata ferma per quattro anni per i problemi che lei stessa ha avuto il coraggio di denunciare; la squadra maschile di pallavolo che lascia ben sperare in termini di ricambio generazionale; qualche ragazzo nell’atletica leggera, specie nella velocità. Perché c’è sempre il concetto dell’emulazione. E questo è il grande messaggio di tutte quelle medaglie che abbiamo vinto l’anno scorso”.