Tokyo 2020, Molfetta: “Gli atleti vanno considerati parte del sistema, non sminuire le Olimpiadi”

Carlo Molfetta - Foto Jfdoom

Il futuro delle Olimpiadi di Tokyo2020 è sempre più incerto a causa dell’emergenza Coronaviurs, che sta creando molti problemi a tutto il mondo. La medaglia d’oro nel teakwondoo di Londra 2012, Carlo Molfetta, si è schierato dalla parte degli atleti attraverso un messaggio pubblicato sui social: “Mi preme difendere tutti gli atleti che credono nelle Olimpiadi e soprattutto in un momento così delicato. Gli Atleti che sognano le Olimpiadi per tutta la vita e che sicuramente vanno considerati parte del sistema e non come una cosa a parte di cui se ne può fare a meno”.

L’atleta pugliese è consapevole del grande problema del Covid-19, ma non vuole che le Olimpiadi vengano sminuite: “Stiamo attraversando un momento storico particolare, quasi irreale direi e in un momento cosi’ complicato c’e’ chi sottovaluta la situazione, c’e’ invece chi sta vivendo sulla propria pelle questo problema del Covid-19 e c’e’ invece chi in questo marasma continua a credere, immaginare e fare sacrifici per inseguire quel sogno a cinque cerchi chiamata Olimpiade. Nessuno ancora sa neanche se effettivamente si faranno, se saranno rinviate o addirittura annullate eppure gli atleti sono li’ ancora ad inseguire quel sogno per avere i frutti di tanti sacrifici. Se penso a loro non posso far finta di nulla, come non posso far finta di nulla quando si cerca di far passare in secondo piano l’olimpiade cercando di sminuirle. Non entro in merito a quelle che possano essere le priorità di ognuno, ma mi preme difendere tutti gli atleti che credono nelle Olimpiadi e soprattutto in un momento cosi’ delicato. Gli Atleti che sognano le Olimpiadi per tutta la vita e che sicuramente vanno considerati parte del sistema e non come una cosa a parte di cui se ne può fare a meno. Detto questo, sono vicino a tutti coloro i quali hanno i propri cari all’ospedale o che li hanno addirittura persi, riusciremo a superare anche questo maledetto virus, del resto siamo ITALIANI!!!“.