Ciclismo, annullati i Mondiali su strada di Aigle-Martigny 2020

Il commissario tecnico della nazionale italiana di ciclismo, Davide Cassani

La notizia era nell’aria già da qualche giorno, ma adesso ha i crismi dell’ufficialità. I Mondiali di ciclismo su strada di Aigle-Martigny 2020 sono stati annullati, in seguito a nuove restrizioni imposte dalle autorità svizzere per contrastare l’aumentare dei contagi da Covid-19. Secondo quanto emerso, il Governo elvetico ha disposto l’autorizzazione degli eventi sportivi fino al 1 ottobre per un tetto massimo di 1000 persone. Un numero irrisorio per una manifestazione come quella iridata, che nel corso della settimana di gare muove ben altre masse.

Salta quindi l’appuntamento dal 20 al 27 settembre prossimi. Da capire adesso se con questi tempi molto ristretti l’UCI riuscirà ad individuare una sede alternativa, oppure se come sembra probabile non verrà assegnata la maglia iridata per la prima volta dagli anni della Seconda Guerra Mondiale.

Ciclismo, Mondiali 2020 annullati ma l’UCI non ci sta: “Cerchiamo alternativa in Europa”