Supercoppa Juventus-Lazio, Inzaghi: “Tutte le finali sono speciali, dobbiamo fare qualcosa di straordinario”

Simone Inzaghi Simone Inzaghi - Foto Antonio Fraioli

Simone Inzaghi, tecnico della Lazio, ha parlato in conferenza stampa in vista della finale della Supercoppa italiana contro la Juventus. L’allenatore ha parlato della differenza che c’è tra la partita in programma domani e i match di campionato: “Domani la partita è differente rispetto a quelle di campionato. Perché in 90-120 minuti ci si gioca il primo trofeo stagionale. Non bisognerà commettere errori perché si affrontano due squadra che in ogni momento possono fare male. Siamo in un ottimo momento con 8 vittorie consecutive in campionato. La squadra ha delle certezze e adesso siamo in un ottimo momento. Partita a sé, sicuramente diversa dal campionato. In campionato puoi rimediare agli errori con la partita successiva, qua no, qua ti giochi il primo trofeo della stagione”. 

Il tecnico biancoceleste ha proseguito parlando dei bianconeri: “Una squadra difficilissima da battere, ha perso una volta sola. Domani serve una partita perfetta ma cercheremo di mettercela tutta. Sarà importante tenere la palla noi perché faremo correre la Juventus come loro faranno correre noi” e continua analizzando il possibile approccio della Vecchia Signora: “La Juventus potrebbe avere un approccio diverso rispetto all’Olimpico. Sappiamo che affronteremo una squadra che ha fatto 23 partite e ha perso solo con noi. Una squadra che ha vinto il girone di Champions. Dopo lo stop di Roma ha subito qualche critica che la farà arrivare ancora più carica”. E sempre sui piemontesi dice: “Indipendentemente che la Juve giochi con due o tre attaccanti, affrontiamo una squadra di grandissima qualità e noi abbiamo preparato ogni evenienza. Dobbiamo fare una partita molto concentrata. Anche con una difesa schierata ci ha fatto un gol di grandissima qualità”.

Infine Inzaghi parla dell’emozione di giocarsi una finale: “E’ normale che una finale sia qualcosa di speciale. I ragazzi la stanno preparando nel migliore dei modi. La stanno preparando con grande concentrazione e spirito di compattezza. Tutte le finali sono importanti. Ho un gruppo fantastico che mi ha seguito in tutto e per tutto. E’ una partita importantissima in un momento in cui la squadra sta bene. Abbiamo più certezze rispetto alla prima Supercoppa con la Juventus. Sappiamo che dobbiamo fare qualcosa di straordinario perché sappiamo la squadra che andremo ad affrontare”

 

 

About the Author /

A 6 anni i primi calci a un pallone, a 12 le prime pedalate in sella a una Bianchi e non ci è voluto molto a capire che quelli erano i miei due mondi e che avrei dovuto raccontarli, scrivendo i gol dei campioni e le imprese degli eroi su due ruote. A 20 anni mi ritrovo a studiare presso la facoltà di Scienze della Comunicazione a Bologna