Serie A, Juventus-Fiorentina 1-0: le pagelle

Mario Mandzukic - Juventus 2015/2016 - fotomenis.it

Juventus – Fiorentina inizia a ritmi abbastanza elevati con la Juventus che si stanzia quasi sempre nella metà campo viola. Molti contrasti da parte di entrambe le squadre, che tendono a spezzare il gioco altrui con interventi al limite. Da registrare nella prima frazione di gara solamente qualche spunto individuale di Dybala da una parte e di Simeone dall’altra.

Poca roba per la Fiorentina, che dopo il gol di Mandzukic ha un minimo di reazione ma non pare mettere troppo in difficoltà i bianconeri, che sanno gestire con sapienza fino al 90’.

JUVENTUS

SZCZESNY: 6 Perfetto nell’unica uscita coi piedi al minuto n°40. Impeccabile anche nei palloni aerei.

STURARO: 6 Fa il suo. Spazza quando c’è da “spazzare”. E’ rude quanto basta e si dimostra arruolabile anche in questo nuovo ruolo affidatogli da Allegri.

BARZAGLI: 6,5 Il cartellino giallo è stato “necessario” per non mandare Simeone in porta. Anche lui però come Rugani commette qualche errore tecnico. Bellissima quella percussione a liberarsi di tre avversari che ha ricordato molto un certo Scirea.

RUGANI: 6 Inizia la sua partita con qualche imprecisione. Poi viene raramente messo in pericolo dall’attacco viola.

ASAMOAH: 6,5 Ottimo in fase di chiusura, un po’ meno in quella offensiva. Come sempre molto di “sostanza” la catena che crea con Mandzukic sull’out si sinistra.

BENTANCUR: 7 Buona personalità per il 20enne uruguagio. Ordinato e pulito, sa smistare un buon numero di palloni in tutta la parte centrale del campo. In fase di ripiego è fondamentale, grandissimo giocatore per il futuro prossimo della Juve.

MATUIDI: 6 Corre tantissimo e lo fa per tutto il campo. Pedina fondamentale della sua Juve già dopo un mese.

CUADRADO: 6,5 Subisce la solita quantità enorme di falli. Le sue finte però talvolta sembrano fine a se stesse. Nel primo tempo riesce a saltare con molta facilità l’uomo ed è l’unico a creare qualche difficoltà nella metà campo viola assieme a Dybala. Nel secondo tempo fa l’assist decisivo per la rete juventina. In gran serata. (BERNARDESCHI: SV)

DYBALA: 6 Come al solito è il fulcro del gioco offensivo della Juve. Al 9’ potrebbe già portare i bianconeri in vantaggio ma la sua punizione esce davvero per questione di centimetri. Nel secondo tempo, però, sparisce lentamente. (PJANIC: 6 Da una mano nel difendere il vantaggio. Non è la sua peculiarità principale ma lo fa bene)

MANDZUKIC: 7 Importantissima la sua rete che spacca la partita. Si tuffa come un leone sul traversone di Cuadrado e come al solito si dimostra un giocatore dai tre polmoni. Fondamentale.

HIGUAIN: 4,5  Imbarazzante ad ogni tocco di palla. Si vede che non è ancora entrato nel “mood” del campionato. Fatica nei triangoli con Dybala e sembra intendersi solamente con Cuadrado, il quale però fatica a servirlo a dovere.

 

 

FIORENTINA

SPORTIELLO: 6 Perde un pallone pericoloso su un traversone di Mandzukic che sarebbe potuto essere letale per la sua squadra.

LAURINI: 6 Inizia la partita sin dal primo minuto non andando troppo per il sottile. Si prende un meritato giallo. (GASPAR: 5 Non fa in tempo ad entrare che si perde Mandzukic sull’azione del gol.)

PEZZELLA: 6 Riesce a contenere e bene il connazionale Higuain, anche se proprio l’attaccante bianconero ci mette molto del suo.

ASTORI: 6 Il capitano della Fiorentina si dimostra ancora una volta autoritario nel guidare la difesa. Fa scattare con meticolosa perizia il fuorigioco dei suoi in diverse azioni che avrebbero potuto mandare in porta una volta Cuadrado e una Higuain. Non può nulla sul cross tagliato di Cuadrado che scaturisce l’1-0 Juve.

BIRAGHI: 5,5 Fa a sinistra quello che Laurini fa a destra: randella nella prima frazione di gara come meglio non potrebbe. Graziato dall’arbitro per due-tre volte.

BADELJ: 4,5 Non eccelle nelle percussioni e lascia fare quasi tutto il compito di impostazione a Veretout. Si limita a difendere e lo fa bene, fino a quando non viene giustamente espulso per doppio giallo.

VERETOUT: 5 Il suo asso nella manica è il tiro da fuori, ma stasera non è serata e si vede dal calcio di punizione del primo tempo.

CHIESA: 4,5 Non sfonda mai sulla zona di Asamoah e non riesce mai a creare qualche pericolo, a meno che non si tratti di qualche “regalo” di Rugani.

BENASSI: 5 Praticamente inesistente. Stasera viene schierato da Pioli in un ruolo più difensivo rispetto a quello delle ultime partite, ma praticamente la sua partita sta tutta là. (GIL DIAS: 5,5 Non è un contropiedi sta e si vede. Fermato anche da Bentancur che aveva corso prima di lui altri 70’e al 90’ quando viene fermato dalla coppia Barzagli-Rugani).

THEREAU: 5 Prova a scardinare la difesa della Juventus con qualche contropiede che però si rivela inefficace soprattutto grazie a Barzagli che lo stoppa sempre a dovere.

SIMEONE: 5,5 L’unico a provare a spaccare la difesa avversaria con qualche progressione, indipendentemente che sia per vie centrali o per la corsia di sinistra.