Sampdoria-Cagliari, Zenga: “Nainggolan assente al 100%, non so i tempi di recupero”

Radja Nainggolan Radja Nainggolan - Foto Antonio Fraioli

Il punto sugli acciaccati? Cragno sta bene, perché poi ha recuperato a partita in corso. Pellegrini è tornato a Roma a curarsi la caviglia, penso che fino a dopo il Sassuolo non lo vedremo. Nainggolan? So che non ci sarà domani al 100%, ma non ho ancora il referto dei medici quindi non so darti una tempistica di recupero“. Nella conferenza stampa della vigilia di Sampdoria-Cagliari, il tecnico rossoblù Walter Zenga esclude la possibilità di un recupero lampo per Radja Nainggolan. Infortunatosi al 30′ del match contro il Lecce, il centrocampista belga sarà assente anche in vista della trasferta di domani al Marassi. Per Zenga sarà un tuffo nel passato: “La mia emozione, però, è quella di allenare il Cagliari, il passato non mi interessa – ha precisato l’allenatore -. Non ci sono rimpianti e non devo dimostrare nulla a nessuno, ho avuto la fortuna di giocare e allenare la Samp ed è un’emozione unica. Ma oggi la mia concentrazione è solo sul Cagliari“.

Tornando sul pari a reti inviolate contro il Lecce: “Ci sono stati annullati due gol che normalmente non lo sarebbero stati, poi mi fa piacere che tutti guardino i numeri, ma le partite bisogna anche riguardarle e analizzarle in modo diverso. Una cosa è quello che vivi in diretta, altra è quella che rivedi in seguito. Le statistiche poi vengono valutate in modo diverse a seconda dei vari siti, quindi va tutto analizzato in modo obiettivo: finché c’è stato in campo Radja, non abbiamo mai fatto ragionare il Lecce dal basso. Non segniamo da tre partite? Dipende secondo me anche dal fatto che si giochi ogni tre giorni, ma spero che questo numero venga presto tolto dalla nostra casella e vorrei portare quanti più giocatori a far gol, anche se il tempo non è mio amico, visto che giochiamo ogni tre giorni“. Infine sulla Samp: “Vengono da 4 partite dove ne ha vinte 3, hanno giocatori offensivi che possono farti male in ogni occasione. È una squadra quadrata che ha trovato personalità, guidata da un grande allenatore. Ci vorrà un Cagliari determinato a fare risultato, per giocarsela con tutti“.

About the Author /

Nato ad Oristano il 2 aprile 1994. Dalla Formula 1 al calcio, passando per tennis, sci alpino e NHL: semplicemente un malato di sport con tanti sogni nel cassetto.