Roma-Inter, Conte: “Partita che ci permetterà di misurare nostre ambizioni, risultati fondamentali”

Inter, Antonio Conte FOTO ANTONIO FRAIOLI

Il tecnico dell’Inter, Antonio Conte, alla vigilia della sfida contro la Roma, valevole per la diciassettesima giornata di Serie A 2020/2021, ha presentato il match nel corso della classica conferenza stampa di vigilia: “La Roma è una squadra forte che sta facendo molto bene, può giocarsi lo scudetto e un posto in Champions. Questa partita ci permetterà di misurare le nostre ambizioni, come accade contro tutte le squadre forti. Il nostro approccio alla gara è sempre giusto, anche con la Sampdoria abbiamo approcciato bene, ma poi siamo andati sotto di due gol. Non credo che abbiamo mai avuti un atteggiamento sbagliato”.

Conte non ha intenzione di pensare al mercato o ad altri fattori esterni al terreno di gioco: “Noi dobbiamo pensare solo a lavorare, dare tutto noi stessi per l’Inter e concentrarci sul campo fino alla fine della stagione. Penso che il risultato sia alla base di tutto, perché condiziona i giudizi; io adesso voglio vedere il risultato. Queste due partite con Roma e Juventus sono importanti, ma lo sono anche le altre nel corso della stagione, con le squadre forti ovviamente c’è grande stimolo”.

“Problemi in difesa? In tutte le situazioni è sempre la squadra a prendersi metriti e demeriti. E’ tutta la squadra che partecipa alla fase difensiva e a quella offensiva. L’anno scorso c’era più equilibrio, quest’anno stiamo concedendo qualcosa in più e sicuramente dobbiamo migliorare. Vidal si è allenato con voglia e determinazione, sapete che uso carota e bastone. Se c’è qualcosa che non mi piace lo dico subito. Vecino sta lavorando a parte, ci vorrà ancora del tempo per recuperarlo: senza entrate, non ci saranno uscite”, ha concluso l’allenatore nerazzurro.