Roma, Fonseca: “Dzeko giocherà. Non mi sento in discussione”

Paulo Fonseca - Foto Antonio Fraioli

La Roma non può più permettersi un altro passo falso e Paulo Fonseca lo sa bene. Alla vigilia dell’insidiosa trasferta contro il Napoli, match valevole per la trentesima giornata di Serie A in programma domani alle 21:45 al San Paolo, il tecnico portoghese è tornato a parlare della sconfitta contro l’Udinese: “Faccio sempre analisi dopo la partita. Quando vinciamo non è tutto bello e quando perdiamo non è tutto brutto – ha esordito durante la conferenza stampa – l’importante è trovare una soluzione per i problemi che abbiamo. Devo trovare soluzioni per migliorare la squadra. Ho cambiato con altri giocatori della Roma, non ho messo giocatori che non hanno mai giocato. Ho fiducia in tutti loro. Come ho detto, l’allenatore non può pensare solo alla partita successiva, come ho spiegato ho pensato al Napoli. Ma ho cambiato perché ho fiducia”. In questi ultimi giorni si è parlato della mancanza di stimoli della squadra o del mancato passaggio di proprietà come alibi per il rendimento disastroso delle scorse partite, ma Fonseca ha smentito affermando che non c’è alcuna relazione fra questi fattori e riguardo al sentirsi in discussione ha aggiunto: “Io in bilico? No. Ho sentito sempre, anche in questo momento il supporto della società e del presidente. Non mi sono mai sentito abbandonato. Il bilancio andrà visto a fine stagione. Mancano nove partite e l’Europa League. Non è il momento di fare un bilancio ora”. Lo stesso Pallotta, dopo il primo commento al veleno dettato dalla rabbia per la sconfitta contro l’Udinese, gli ha confermato pubblicamente la fiducia.

A chi gli chiede se un cambio di modulo possa essere la soluzione ai problemi di rendimento della Roma, l’allenatore giallorosso ha spiegato: “Come ho sempre detto, abbiamo sempre lavorato su due sistemi. Possiamo giocare con la difesa a 3 o a 4. Devo dire che è quasi lo stesso. La questione della marcatura preventiva non è stata un problema – continua Fonseca ai microfoni di Roma Tv – con l’Udinese lo è stato ma eravamo uno in meno. Iniziamo sempre a 3, facciamo le marcature preventive sempre a 3 più 1, con l’Udinese abbiamo rischiato di più perché eravamo uno in meno”. Quello di cui ora ha bisogno la società giallorossa è appoggiarsi ad alcune certezze che non hanno mai deluso finora: Dzeko, prima di tutto. Il centravanti bosniaco, infatti, dopo essere subentrato alcuni minuti con l’Udinese, contro il Napoli tornerà in campo dal primo minuto, affiancato dal solito Mkhitaryan: “Penso sia chiaro che Dzeko giocherà. Penso che Mkhitaryan sia una forte opzione e dovremo vedere come sta Carles Perez. Penso abbia giocato bene, ha corso molto. Vediamo come sta fisicamente, abbiamo giocato solo due giorni fa. Mancini a centrocampo? È un’opzione, ma vediamo domani”. Manca solo un allenamento di rifinitura e poi gli uomini di Fonseca partiranno alla volta del San Paolo per lo scontro diretto in ottica Europa League. Mancini ha recuperato dal problema gastrointestinale ed è tornato regolarmente in gruppo. Torneranno anche gli squalificati Pellegrini e Veretout, mentre Zaniolo procede secondo iter e cerca di accelerare i tempi, ma la data del rientro sembra essere sempre il 15 luglio, giorno del match contro il Verona allo Stadio Olimpico.