Pagelle Parma-Juventus 1-2: Serie A 2018/2019

Mario Mandzukic Mario Mandzukic - Foto Antonio Fraioli

La Juventus vince e colleziona la terza vittoria in altrettante giornate di campionato, battendo il Parma per 2-1. Al Tardini, nella prima frazione, dopo appena due minuti di gioco, ci pensa Mandzukic a sbloccare il match raccogliendo il cross dalla destra di Cuadrado, approfittando tra l’altro di una marcatura non perfetta di Iacoponi. Nonostante la rete incassata in avvio, i padroni di casa non stanno a guardare, e colpiscono poco dopo una traversa con Stulac su punizione e poi trovano la rete del pareggio con un tap-in sotto porta di Gervinho, dopo la deviazione decisiva di Inglese. Nella ripresa, la Juventus mette in campo ancora più aggressività, e trova la rete del 2-1 con Matuidi, su ottima assistenza di Mandzukic. Da lì in poi è solo gestione del possesso e del risultato per gli uomini di Allegri.

GLI HIGHLIGHTS

PARMA (4-3-3)

Sepe 5,5

Poco reattivo sulla conclusione ravvicinata vincente di Manduzkic. Incolpevole sul raddoppio di Matuidi.

Iacoponi 5

Concede troppo facilmente la rete del vantaggio a Mandzukic, con una marcatura troppo superficiale e poco precisa.

Bruno Alves 6

Grande esperienza e senso della posizione. Non sfigura al cospetto di una tale corazzata.

Gagliolo 6,5

Molto attento in fase di copertura e preciso nel tempismo degli anticipi. Contribuisce a far arrivare pochi palloni dalle parti di Ronaldo.

Gobbi 5,5

Non perfetto difensivamente quando viene puntato dai veloci esterni avversari. Meglio offensivamente, con alcuni cross interessanti.

Barillà 6

Ci mette tanta corsa e dinamismo in mezzo al campo. Determinante in fase di pressione sul portatore di palla avversario.

Stulac 6,5

Buona la sua prova in cabina di regia, va inoltre vicino al pareggio con una punizione che si stampa sulla traversa, confermando la sua pericolosità sui calci piazzati.

Rigoni 5,5

Si divora il possibile vantaggio al termine della prima frazione, calciando troppo centrale per impensierire il portiere avversario. (dal 60’ Deiola 6 Tanta corsa e sostanza a centrocampo.)

Gervinho 7

Sembra di intravedere il giocatore che si era visto ai tempi della Roma. Velocità esplosiva, dribbling rapidi e molti cross in area. Corona al meglio la sua prestazione, trovando la rete del pareggio, approfittando del preciso cross di Gobbi. (dal 60’ Da Cruz 5,5 Poca convinzione e determinazione, non lascia il segno sul match.)

Inglese 6,5

Quando non segna, riesce comunque a dare il proprio contributo nelle azioni vincenti. Suo il tocco decisivo, che mette fuori dai giochi Szczesny e regala il pallone a Gervinho.

Di Gaudio 6

Molto vivace, sfrutta le sue abilità nell’uno contro uno per creare situazioni di superiorità numerica. (dall’80 Ceravolo sv)

All. D’Aversa 6

Il gol incassato in avvio avrebbe potuto tagliare le gambe alla sua squadra, e invece i suoi con grande mentalità e coraggio rispondono trovando la rete del pareggio. Solo con il prevedibile calo fisico gli avversari trovano la vittoria.

 

 

JUVENTUS (4-3-3)

Szczęsny 6,5

La deviazione di Inglese sul cross non gli permette di intervenire su Gervinho, che deve solo appoggiare a porta sguarnita. Decisivo poco dopo su una conclusione ravvicinata di Rigoni.

Cuadrado 6,5

Vince il ballottaggio con Cancelo e nei primi 10 minuti di gioco si rivela già decisivo, prima con l’assist del gol del vantaggio di Mandzukic, e poco dopo con una miracolosa chiusura su Di Gaudio, il quale era pronto ad insaccare da pochi passi.

Bonucci 5,5

Non sempre preciso e lucido in marcatura su Inglese, spesso infatti deve ricorrere alle cattive quando non ci arriva con la tecnica.

Chiellini 6

Più convincente del proprio collega di reparto, come suo solito con grande sostanza si fa sempre trovare al posto giusto nel momento più opportuno.

Alex Sandro 6

Maturo e allo stesso tempo in crescita, il terzino brasiliano spinge efficacemente quando può, e difensivamente si dimostra ordinato e attento nel contenere le sfuriate di Gervinho

Khedira 5,5

Un po’ più sottotono rispetto al solito tedesco, che non riesce ad incidere a sufficienza in mezzo al campo e nella manovra. (dall’81 Dybala sv)

Pjanic 6

È il riferimento principale della manovra della sua squadra, anche se stasera in alcune occasioni, il pressing avversario ha limitato il suo raggio d’azione, costringendolo a commettere alcuni errori. Meglio nella ripresa dove emerge la stanchezza nel Parma, e il bosniaco è più libero di gestire il possesso del pallone. (dal 73’ Emre Can sv)

Matuidi 7,5

È l’equilibratore dei bianconeri: recupera palloni e si inserisce spesso e volentieri senza palla, creando superiorità numerica nella manovra offensiva. Non a caso proprio con un inserimento, raccoglie palla da Mandzukic e scarica sotto la traversa la palla del vantaggio.

Bernardeschi 6

Conferma il suo buon momento di forma, muovendosi molto bene sulla fascia destra, e sfiorando la rete del 2-1, che viene negata da Sepe. (dal 55’ Douglas Costa 6,5 Con la sua velocità e freschezza, la manovra bianconera diventa ancora più imprevedibile ed insidiosa. Va vicino al 3-1 colpendo un palo.)

Cristiano Ronaldo 6

Si muove bene e in sintonia con i propri compagni, si intravedono grandi giocate, però nonostante la ricerca e la voglia del portoghese, manca ancora l’appuntamento con la prima rete in Italia.

Mandzukic 7

Pronti, via e l’attaccante croato trova subito la rete del vantaggio, approfittando dell’ottimo cross di Cuadrado e di una marcatura tutt’altro che eccezionale di Iacoponi. Per il resto, solita prestazione di sostanza e tanto sacrificio.

All.Allegri 6

Conferma l’undici titolare sceso in campo contro la Lazio, e ancora una volta trova conferme, vista la rete di Mandzukic e la buona prova di Bernardeschi. Al momento l’unico limite della sua squadra pare sia quello di non chiudere subito le partite, permettendo agli avversari di tornare in corsa nel risultato.