Serie A 2018/2019, numeri e statistiche della diciottesima giornata

Simone e Filippo Inzaghi Simone e Filippo Inzaghi - Foto Sportface.it

Mercoledì turno di Santo Stefano per la Serie A, il numero 18 che si apre con la sfida dello Stirpe tra Frosinone e Milan alle 12,30: sono solo due i precedenti tra le due squadre, con i rossoneri imbattuti avendo conquistato un successo e un pareggio. La squadra di Gattuso però ha vinto solo una delle ultime sette trasferte nel torneo contro squadre neopromosse con quattro pareggi e due sconfitte (l’ultimo trionfo risale al 10 febbraio 2018, 0-4 contro la Spal). D’altro canto i canarini hanno sofferto molto il cambio di categoria ottenendo i tre punti solo il 28 ottobre in trasferta al Paolo Mazza (0-3) affrontando proprio la squadra allenata da Semplici.

Alle 15 la Juventus fa visita all’Atalanta: per i bergamaschi la squadra di Allegri rappresenta la bestia nera, infatti il club di Gasperini ha perso più partite in Serie A contro i bianconeri (64) dal 2008 ad oggi e la vecchia signora ha segnato più reti in campionato (44) agli orobici. Inoltre gli ospiti sono imbattuti da 27 incontri nel massimo torneo. Il tecnico dei nerazzurri cerca di sfatare un tabù personale: Gasperini infatti ha collezionato sette ko su 15 confronti complessivi contro Allegri. Contemporaneamente derby in famiglia tra Simone e Filippo Inzaghi al Dall’Ara tra Bologna e Lazio: i biancocelesti sono imbattuti da 10 incontri nel massimo campionato contro i rossoblù con cinque successi e altrettanti pareggi. I fratelli Inzaghi insomma si sfidano in una partita fondamentale per entrambe le squadre. Il papà Giancarlo, intervistato lunedì dal “Corriere dello Sport” ha dichiarato: “Non so per chi tifare, come faccio? Spero in un pareggio, andrò allo stadio, mi ha convinto Filippo”.

Alla stessa ora il Cagliari riceve il Genoa: la squadra di Prandelli ha vinto quattro degli ultimi cinque incroci nel torneo contro i sardi. Il club allenato da Maran ha trionfato in tre delle ultime cinque gare casalinghe in Serie A contro il grifone mantenendo però la porta inviolata solo in uno di questi scontri. La Fiorentina ospita il Parma: questa sarà la sfida tra la formazione più giovane considerando i giocatori utilizzati in questo campionato (l’età media della squadra viola infatti è di 24 anni e 69 giorni) e quella più “anziana” (l’età media gialloblù è di 29 anni e 144 giorni). Pioli cerca continuità dopo le vittorie contro Empoli e Milan, il club allenato da D’Aversa invece in quattro partite di questo campionato ha chiuso le gare senza tiri nello specchio. Al Ferraris va in scena Sampdoria-Chievo: i blucerchiati sono imbattuti da cinque partite consecutive e non arrivano a sei da marzo 2017, gli ospiti invece hanno collezionato cinque pareggi consecutivi dall’arrivo di Domenico Di Carlo sulla panchina. I veneti devono stare attenti a Fabio Quagliarella poiché ha realizzato 10 gol in 18 presenze contro i gialloblù in Serie A: a nessuna squadra del massimo campionato ha segnato più gol.

Alle 18 all’Olimpico la Roma incrocia il Sassuolo: per Di Francesco sarà una partita particolare, dato che l’allenatore nato a Pescara è stato alla guida dei neroverdi dal 19 giugno 2012 al giugno 2017. I precedenti sono a favore dei giallorossi: tra le squadre incontrate almeno tre volte nel massimo torneo, la Roma è l’unica contro cui gli ospiti non hanno mai vinto ottenendo quattro pareggi e sei sconfitte. Il Sassuolo finora però ha ottenuto 11 punti nelle prime otto trasferte, un rendimento molto positivo considerando che il club di De Zerbi non aveva mai fatto meglio nelle prime otto gare esterne di una stagione di Serie A. Alla stessa ora la Spal sfida l’Udinese in casa: i bianconeri non vincono contro gli estensi nel massimo torneo dal 1960 e nei successivi sei incroci hanno ottenuto tre pareggi e altrettante sconfitte. Ironia della sorte, la squadra allenata da Semplici ha vinto il suo primo incontro nella competizione proprio contro l’Udinese per 3-2 in casa il 28 agosto 2017. Contemporaneamente al Grande Torino i granata incontrano l’Empoli: gli azzurri hanno raccolto meno punti in trasferta in questo campionato (solo tre in otto partite) incassando 19 gol. Andrea Belotti è l’unico giocatore della rosa di Mazzarri ad aver segnato ai toscani nel torneo, precisamente il 5 febbraio 2017 (la partita si è conclusa 1-1).

Chiude la 18ª giornata il big match Inter-Napoli (ore 20,30): soltanto in un’occasione i nerazzurri sono riusciti a battere i partenopei negli ultimi undici scontri in campionato (per il resto cinque pareggi e altrettante vittorie per gli ospiti).  L’ultimo pareggio in trasferta in Serie A per la squadra di Ancelotti è arrivato proprio in questo stadio, il 15 aprile contro il Milan (0-0), sono seguite otto vittorie e tre sconfitte. Mauro Icardi e Dries Mertens vogliono sbloccarsi in quanto il primo fa registrare la percentuale realizzativa più bassa proprio contro gli azzurri, il secondo invece ha giocato finora 10 volte a San Siro senza trovare la via del gol (5 contro la beneamata e altrettante contro i rossoneri).