Napoli: dagli infortuni agli spogliatoi, quanti grattacapi per Ancelotti

Carlo Ancelotti, FOTO DELL'OLIVO

Il Napoli sarà tra le prime squadre a scendere in campo alla ripresa del campionato di Serie A 2019/2020: il fischio d’inizio dell’impegno casalingo contro la Sampdoria, infatti, sarà alle ore 18 di sabato 14 settembre. Un avvicinamento alla terza giornata di campionato contrassegnato da parecchi grattacapi, per i partenopei: a partire dagli infortuni di occorsi ad Insigne e Milik, che saranno entrambi costretti a saltare il match di sabato pomeriggio a causa di problemi muscolari. Infortuni che quindi alimentano la curiosità verso quelle che saranno le scelte di Ancelotti, con i nuovi arrivi, su tutti Llorente e Lozano, che puntano a trovare posto nell’undici titolare. Inoltre, sulla sinistra potrebbe trovare spazio Younes, mai utilizzato in questo avvio di campionato e in cerca di riscatto dopo la scorsa travagliata stagione, conclusa con un bottino di tre reti e tre assist in campionato, nonostante i molti problemi fisici.

Turnover obbligato, quindi, per Ancelotti, anche in vista dell’imminente tour de force che, tra campionato e Champions League, poterà il Napoli, così come le altre squadre impegnate nelle competizioni europee, a scendere in campo circa ogni quattro giorni, fino alla seconda sosta per le Nazionali, prevista dopo la settima giornata, in cui i partenopei saranno impegnati in trasferta contro il Torino. Il tecnico del Napoli, inoltre, starebbe pensando alla possibilità di dare una chance da titolare anche ad Elmas, che aveva subito (e subito smaltito) un infortunio in allenamento con la sua Macedonia.

Inoltre, c’è curiosità per capire se Ancelotti sarà riuscito a registrare i movimenti difensivi della sua squadra, che ha subito ben sette gol nelle prime due uscite: su questo fattore incide sicuramente in modo decisivo il ritardo di condizione di Koulibaly. Non solo campo, però. Infatti in questi ultimi giorni è montata la polemica tra il Napoli e le istituzioni campane relative agli spogliatoi del San Paolo, al momento non ancora pronti per la gara di sabato, con Ancelotti che si è mosso in prima persona per verificarne lo stato. Insomma, non pochi grattacapi per il tecnico emiliano, che dovrà essere bravo a destreggiarsi per ripartire al meglio e rispettare le aspettative dei tifosi.