Napoli, De Laurentiis: “Juventus sempre aiutata, sono i padroni d’Italia”

Aurelio De Laurentiis - Foto Antonio Fraioli

“La Juventus è sempre aiutata, loro sono i padroni d’Italia”: Aurelio De Laurentiis ci va giù pesante e accusa i bianconeri per difendersi dalle critiche di quelli che lui definisce i “soliti 300 contestatori delle curve A e B”. Il presidente dei partenopei traccia un bilancio della stagione ormai agli archivi ai microfono di Radio Kiss Kiss e non risparmia critiche alla squadra rivale: “I nostri tifosi vogliono sempre battere la Juventus, ma loro sono sempre aiutati perché sono i padroni d’Italia”. De Laurentiis poi prova a spiegare il concetto e utilizza una metafora culinaria: “Prendere camionate di pasta per poi cucinare 400 grammi di spaghetti è una cosa inutile, noi siamo capaci di fare bene con molto meno a disposizione”.

Il numero uno del club azzurro aggiunge: “Non si possono paragonare le due società, ci sono risorse totalmente differenti: loro con 35mila persone incassano 5 milioni, noi con 40mila ne incassiamo 2. Secondo i miei tifosi dovrei indebitarmi per comprare Messi o Icardi, ma non funziona così: Napoli non gode di buona pubblicità, non è facile convincere i giocatori”.