Milan-Juventus, Pioli alla vigilia: “Le motivazioni ci porteranno ad esprimere il massimo”

Stefano Pioli - Foto Antonio Fraioli

Stefano Pioli ha parlato alla vigilia del big match della trentunesima giornata di Serie A 2019/2020 tra Milan e Juventus. In conferenza stampa il tecnico rossonero ha mostrato fiducia in vista di domani: “Le motivazioni ci porteranno a superare le difficoltà e ad esprimere il massimo con la Juve. Dobbiamo fare tutto bene, perché giochiamo contro una squadra che negli ultimi anni sta vincendo tutto, dobbiamo esprimerci al massimo. Come sta Calhanoglu? Allenamenti di oggi e domani decisivi, si è contratto il polpaccio, mi auguro possa essere disponibile”, ha dichiarato Pioli.

Su Ibrahimovic:La condizione non può che migliorare – ha detto – e lo può fare attraverso le partite. Mi auguro che possa salire il minutaggio e il livello di prestazione. Ha giocato 45 minuti con la Lazio e 20 con la Spal, spero che la sua condizione crescerà. E’ il giocatore più forte dal punto di vista mentale e della presenza in campo. Rebic? Tutti si devono sentire importanti. Non è importante partire dall’inizio ma aiutare la squadra e lui lo sta facendo con mentalità e forza, vedremo se domani giocherà dall’inizio o a gara in corso. La classifica è corta abbiamo ancora otto partite e vogliamo fare il massimo fino alla fine, l’atteggiamento di Rebic è importate”.

A fine campionato voglio solo la soddisfazione di aver dato il massimo, poi non penso al 3 agosto ma alla gara di domani. Per lo sforzo che abbiamo fatto meritiamo di finire bene il campionato, poi le decisioni arriveranno più avanti“, ha concluso in merito alla sua permanenza al Milan.