Milan-Inter, vietata coreografia su ultrà morto Belardinelli

Stadio San Siro Milano

Nessuna coreografia della curva nerazzurra per il derby Milan-Inter. A farlo sapere con un comunicato ufficiale è il gruppo Curva Nord Milano 1969, che spiega il motivo. Nessun fattore tecnico visto il momento negativo della squadra, il problema è piuttosto politico: il GOS (Gruppo Operativo Sicurezza) ha vietato una coreografia preparata dai supporter nerazzurri per ricordare Dede Belardinelli, ultrà morto negli scontri del pre-partita di Inter-Napoli del 26 dicembre scorso.

“Niente coreografia domenica sera al derby. Attoniti prendiamo atto della decisione del GOS (Gruppo Operativo Sicurezza). Quello che con tutto il nostro cuore abbiamo preparato per ricordare il nostro Dede (un telo con il volto di Dede e la bandiera dei ragazzi di Varese), non ha avuto il via libera. Era per noi, probabilmente, la coreografia più importante di sempre. Proviamo solo sdegno. Ci fa un male cane. Rabbia e schifo, ma anche pena. Perché è l’ennesima occasione persa, da parte dei tutori della sicurezza, di mostrare un lato umano che, anche questa volta, non esiste. Il calcio dovrebbe essere in primis dei tifosi. Del loro cuore e della loro passione. Intromissioni inquisitore da parte delle forze dell’ordine non dovrebbero essere né permesse né accettate. Al di là del bene o del male. Dede è con noi in ogni istante. E questo è un fiume in piena che non potranno fermare”, questo il comunicato di CN69.