Lazio, Immobile: “Scarpa d’oro una soddisfazione incredibile”

Ciro Immobile, Lazio - Foto Antonio Fraioli

La Scarpa d’Oro? Una soddisfazione incredibile, dietro c’è tutto il lavoro personale, di squadra e dello staff. Poi rileggere tutti i nomi che l’hanno vinto ultimamente, fa venire ancora di più la pelle d’oca”. Queste le dichiarazioni di Ciro Immobile, attaccante della Lazio, ai microfoni di Sky Sport sul trofeo individuale conquistato grazie alle 36 reti siglate in campionato. Ora l’obiettivo è scalare il podio dei migliori marcatori biancocelesti: “Quando superavo un calciatore che aveva fatto la storia della Lazio l’ho sempre scoperto poi, a fine partita. So che Piola e Signori sono là davanti – ha aggiunto – e ho superato Chinaglia che per la Lazio è stato come un dio. Piano piano, con l’aiuto dei compagni, riusciremo a fare ancora un passettino avanti“.

Poi sul rinnovo con la Lazio: “Quando ti trovi così bene con la città, i tifosi, la società, l’allenatore e i compagni poi diventa difficile prendere altre strade. Sono finiti quattro anni di lavoro, adesso con il rinnovo ne inizieranno altri quattro. Con la Champions dentro, nuove motivazioni: la carica giusta per ripartire, anche perché la Lazio non gioca questa competizione da tanti anni. Dobbiamo fare bella figura. E ho più fame di prima“. Infine sul sogno scudetto, più una Champions importante da disputare: “La società con i nomi che circolano sta facendo grandi cose sul mercato, con questi obiettivi. La Lazio oggi ha raggiunto un livello tale per cui deve essere competitiva su più fronti – conclude – e dobbiamo prenderci le responsabilità giuste. Quest’anno senza lockdown avremmo fatto un finale di campionato diverso e quindi questo ci deve dare la consapevolezza di poter stare lì tra le grandi“.

About the Author /

Romano, nato in una calda estate del 1995 mentre la capitale iniziava a scoprire Francesco Totti e Alessandro Nesta. Cresciuto tra la terra e i sassi dei campetti della periferia romana e appassionato di scrittura. Ma tra il pallone e la penna ho scelto un compromesso: scrivere di calcio