La moglie di Insigne scaccia le critiche: “Nessun uomo più rispettoso di lui”

Lorenzo Insigne Lorenzo Insigne - Foto Antonio Fraioli

C’è anche il volto di Lorenzo Insigne nella campagna promossa dal Napoli (e dagli altri club di Serie A) in vista della giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Sui social più di qualcuno ha contestato la presenza dell’esterno azzurro ricordando la scenata di gelosia apparsa sul piccolo schermo in occasione di uno scherzo de Le Iene. Proprio la moglie di Insigne, Jenny Darone è intervenuta sull’argomento rispondendo alle critiche al marito: “Sinceramente credo che si stia calcando la mano su uno scherzo che a mio parere sarebbe dovuto rimanere tale e invece, con grande dispiacere, mi rendo conto che c’è ancora una piccola parte di persone – mi permetto – poco intelligenti che in quello scherzo hanno visto altro, o meglio, hanno voluto vedere altro. Come in ogni scherzo che si rispetto è stato studiato, montato e marcato su determinati aspetti ad hoc, per far sì che riuscisse. Non sto qui a giustificare mio marito perché sinceramente non ha bisogno di essere difeso. Io e le persone che ci e lo conoscono sappiamo che uomo è, nei miei e nei confronti di chiunque, uomo o donna che sia; ma intervengo oggi dopo mesi che leggo commenti simili solo perché il tema della violenza sulle donne è così tanto delicato e così tanto attuale che non può e non deve essere confuso con uno scherzo che ci ha visti protagonisti qualche tempo fa. Presuntuosamente mi permetto di dire che ad oggi nel percorso di vita non ho ancora conosciuto uomo più rispettoso di mio marito, degno oggi e da sempre di portare ed essere testimone di quella striscia rossa sul suo viso”, si legge nella storia instagram di Jenny Darone che ha anche allegato qualche commento poco carino nei confronti del marito pubblicato da utenti social.

About the Author /

Romano, nato in una calda estate del 1995 mentre la capitale iniziava a scoprire Francesco Totti e Alessandro Nesta. Cresciuto tra la terra e i sassi dei campetti della periferia romana e appassionato di scrittura. Ma tra il pallone e la penna ho scelto un compromesso: scrivere di calcio