Juventus, Pirlo: “La squadra si sta riprendendo. Ronaldo è deluso”

Andrea Pirlo - Foto Antonio Fraioli

“La squadra si sta riprendendo perché è stata una bella botta. Ieri ci siamo allenati tutti insieme, domani sarà una partita importante soprattutto dopo l’eliminazione dalla Champions. Ci vorrà grande orgoglio. Ronaldo? Sta bene, è normale che sia deluso da quanto successo l’altra sera. Si è allenato bene e penso che abbia recuperato per poter giocare domani sera, è normale ci siano voci dopo l’eliminazione. Lui è uno dei personaggi più importanti ed è normale che faccia parlare di lui”. Queste le dichiarazioni di Andrea Pirlo, tecnico della Juventus, alla vigilia della sfida contro il Cagliari, match valido per la ventisettesima giornata del campionato di Serie A in programma domani alle 18 alla Sardegna Arena. “Nella mia carriera ne ho avute parecchie di queste situazioni perché ho vinto tanto ma anche perso tanto. Domani dobbiamo ripartire perché abbiamo ancora partite di campionato e finale di Coppa Italia, non è finita martedì la nostra stagione. Dipenderà da noi, dagli obiettivi che ci siamo prefissati – ha proseguito l’allenatore bianconero – Gli acciaccati? Stanno tutti bene, hanno recuperato a parte Demiral e Ramsey che hanno problemi fisici oltre a Dybala e Bentancur. Buffon non so se giocherà perché non è al meglio e dovremo valutarlo ancora oggi pomeriggio. Gli altri sono tutti a disposizione. Se i senatori si sentono messi a da parte? No perché il progetto intrapreso negli ultimi anni vedeva l’arricchimento con giocatori di una certa caratura. Impossibile fare una squadra con solo giovani, questo è stato il progetto iniziale e lo sarà anche per il futuro. Quando inizi speri di vincere tutte le partite ma non è possibile. Non è come nei sogni, bisogna lavorare e aspettarsi che possano succedere anche sconfitte. Il nostro cammino non cambia, bisogna avere la fiducia e la consapevolezza. Noi siamo convinti di avere ancora un grande futuro davanti, Non ho dovuto spiegare a nessuno cos’è la Juventus. L’abbiamo spiegato all’inizio quando sono arrivati e sono entrati subito con questa testa. Non ho dovuto ribadirglielo adesso, loro dall’inizio della stagione sono entranti con lo spirito giusto”, ha concluso.