Juventus, Buffon sul ritiro: “Vado avanti al massimo fino al 2023, ma potrei smettere prima”

Gianluigi Buffon, Juventus - Foto Antonio Fraioli

“Mi sono dato come limite massimo giugno 2023, ma magari smetto anche tra quattro mesi: ho imparato che nulla è certo nella vita”. Parola di Gianluigi Buffon, che ha raccontato i suoi progetti a breve-medio termine in una lunga intervista al Guardian. “Nella mia testa c’e’ un segnale di stop – ammettere il portiere bianconero – Quando sbaglio una partita mi sento molto in imbarazzo“. Nell’intervista Buffon parla anche del suo rapporto con l’attuale allenatore ed ex compagno Andrea Pirlo: “La nostra amicizia è datata 1993 ma di fronte ad altre persone lo chiamo sempre ‘Mister’. Finche’ siamo qui, lui ha un ruolo e io un altro; quando lasciamo questo posto o usciamo insieme, allora possiamo essere Gigi e Andrea“, ha concluso l’ex capitano della Nazionale.